L’Agenzia delle Entrate scopre oltre 600 case fantasma

alt

L’inchiesta – Il fisco ha incrociato le immagini aeree dell’Agea, ente che si occupa delle erogazioni in agricoltura, con le mappe ufficiali del Catasto
Attribuito più di un milione di euro di rendita alle abitazioni irregolari della provincia di Como

Si è conclusa l’operazione “case fantasma” in tutta la Lombardia, che ha portato ad attribuire a 59.346 unità immobiliari una rendita catastale di circa 75 milioni di euro.
Per quanto riguarda la provincia di Como, 656 immobili non risultavano accatastati. Si trattava insomma di vere e proprie case e appartamenti fantasma. La rendita presunta calcolata dall’Agenzia delle Entrate è stata di 675mila euro. Sono state invece spontaneamente regolarizzate 1.567 unità immobiliari, sparse su

tutto il territorio provinciale, per una rendita catastale definitiva complessiva di oltre un milione di euro (1.295.278).
Questi sono i risultati dell’ultima fase della complessa attività di controllo sui fabbricati non dichiarati al Catasto. Ma come si è arrivati a questo risultato? Non pensate che si tratti di “soffiate” di vicini di casa spioni o di un’intensa attività di intelligence. Le abitazioni sono state individuate incrociando le mappe catastali con le foto aeree rese disponibili dall’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura). Così sono stati avvistati i fabbricati presenti sul territorio, ma non censiti nelle banche dati catastali.
Il decreto legge 78/2010 aveva previsto l’attribuzione d’ufficio di una rendita presunta agli immobili mai dichiarati e non ancora regolarizzati, associando agli stessi una rendita catastale provvisoria, in base a precisi parametri tecnici acquisiti anche con sopralluoghi esterni agli edifici non in regola.
Ci sono province dove il fenomeno delle case fantasma è molto più radicato rispetto a quella lariana. A Varese, ad esempio, erano sconosciute al Catasto quasi 2.600 case o appartamenti, 3.184 a Milano, 2.967 a Brescia e 1.627 a Pavia. In tutta la Regione le abitazioni fantasma scoperte sono state 16.513 per oltre 15 milioni di euro.

P.An.

Nella foto:
Sono state le foto aeree a smascherare centinaia di edifici del tutto sconosciuti al Catasto in provincia di Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.