«Alcuni disguidi reali. Telefonate in Comune»

Il commento dell’assessore durante la diretta su Etv
Magatti: «Molti non hanno capito che era il giorno del cambiamento»
Nel corso di una puntata speciale di Etg+ Sindaco (LINK), insieme con Mario Lucini ieri sera c’era anche l’assessore all’Ambiente, Bruno Magatti. Il quale non ha negato disguidi e problemi nella prima giornata di raccolta differenziata. «Oggi (ieri, ndr) mi sono alzato all’alba e ho accompagnato il primo giro di raccolta dei sacchi – ha detto Magatti – e l’impressione è stata sostanzialmente positiva nelle zone esterne, per esempio a Prestino. Poi, però, verso il centro, in via Giovio e in viale Varese, per fare due esempi, la situazione era tra le peggiori. Mi sono reso conto che molte persone non avevano tenuto conto che oggi (ieri, ndr) era il giorno del cambiamento».

A quel punto, Magatti ha «mandato i vigili a informare i cittadini», ma ha detto di «non aver voluto richiamare l’azienda perché non mi sembra giusto pagare lavoro straordinario per responsabilità dei cittadini». Nella diretta di Etv, alcuni residenti hanno telefonato per segnalare il mancato passaggio dei mezzi di Aprica per ritirare i sacchi.
«Può esserci stato qualche problema, è evidente – ha confermato Magatti – Verificherò le segnalazioni ma sicuramente alcuni disguidi si sono verificati. Ad ogni modo, invito tutti i cittadini che riscontrino problemi o difficoltà a chiamare l’Ufficio Ambiente del Comune. Noi, infatti, abbiamo un rapporto diretto, senza mediazioni, con l’azienda. Quindi tutto può essere risolto rapidamente».
Altro tema emerso ieri è stato il nodo del ritiro dei sacchi, che alcuni cittadini vorrebbero venisse effettuato sull’uscio, lamentando, però, costi maggiorati. «Ma l’azienda – ha affermato Magatti – ha vinto l’appalto per ritirare i sacchi o immediatamente fuori o immediatamente dentro gli ingressi dei condomini. Se si vuole un servizio straordinario, questo va pagato».

Nella foto:
via Torriani, una delle vie dove la situazione era tra le peggiori (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.