Cronaca

«Alla variante della Tremezzina i soldi della Salerno-Reggio»

altL’alternativa alla Regina
Emendamento della Lega Nord per dirottare sul Lario 340 milioni di euro

(a.bam.) Togliere i soldi dalla Salerno-Reggio Calabria per spostarli sulla Tremezzina. È la proposta della Lega Nord, che ieri ha presentato al Senato un emendamento alla legge di stabilità per chiedere di dirottare sul Lario quei 340 milioni di euro destinati all’eterna autostrada del Mezzogiorno.
La variante della Tremezzina, sostiene il Carroccio, è un’infrastruttura strategica per il territorio comasco. Un giudizio, questo, condiviso da tutti coloro che sulle sponde del lago vivono

e lavorano, dalle istituzioni e dalle forze politiche lariane, eccezion fatta per il Movimento Cinque Stelle secondo cui la popolazione della Tremezzina in realtà è in gran parte contraria a questa opera.
Pochi, dunque, i dubbi sull’importanza del progetto che prevede di realizzare una nuova arteria, lunga una decina di chilometri, che colleghi Colonno con Griante passando lontano dalla riva del Lario e dall’attuale tracciato della statale Regina, perennemente congestionata dal traffico.
Il vero problema della variante della Tremezzina è sempre stato un altro: trovare le risorse finanziarie necessarie per realizzare un simile progetto, fatto di gallerie e viadotti, che secondo le ultime stime dovrebbe arrivare a costare 330 milioni di euro. Una somma ingente, alla quale vanno aggiunti i soldi spesi per la progettazione preliminare (910mila euro) e quelli previsti per la progettazione definitiva, pari a 2,2 milioni di euro, che dovrebbero essere finanziati da Regione (1,6 milioni), Provincia e Camera di Commercio (600mila euro).
«La Lega Nord – spiega il deputato canturino del Carroccio Nicola Molteni – ha presentato al Senato un emendamento alla legge di stabilità in cui si chiede di togliere i 340 milioni di euro che il governo ha stanziato per la Salerno-Reggio Calabria, opera che fino a oggi è costata 10 miliardi di euro, ossia 26 milioni al chilometro, per destinarli a un’opera fondamentale per il territorio comasco: la variante della Tremezzina, il cui importo è praticamente identico».
Secondo Molteni si tratta di «un emendamento importante», con cui la Lega «vuole riportare al centro dell’attenzione quest’opera viabilistica strategica per il territorio comasco e per il suo sviluppo economico e turistico. Un’opera condivisa e voluta dalle popolazioni locali, da tutto il territorio e sostenuta anche dalla Regione». Per dare forza all’iniziativa, il Carroccio chiama a raccolta i senatori lombardi.

Nella foto:
Auto e camion in coda lungo la statale Regina nella zona della Tremezzina, dove gli ingorghi sono all’ordine del giorno
8 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto