«Alle urne con 701 avversari? È un bene»

Elda De Mattei – Forza Cambia Como
Non sarà sui banchi di Palazzo Cernezzi, ma mette comunque nel bagaglio delle esperienze personali «un’avventura positiva e importante, della quale fare tesoro».
Elda De Mattei (nella foto), noto volto televisivo, ha partecipato alla recentissima tornata elettorale nel capoluogo lariano, candidata con la lista “Forza Cambia Como”, a sostegno dell’aspirante sindaco Sergio Gaddi, assessore alla Cultura uscente.
Con una brevissima campagna elettorale, avviata solo a poca distanza dal
voto, Elda ha raccolto 49 preferenze.
«Sono sicuramente soddisfatta per quello che è riuscita a fare la lista così come per il mio risultato personale – dice Elda De Mattei – Quando mi è stato chiesto di candidarmi ho creduto subito nel progetto della lista e ho accettato, precisando che mi avrebbe fatto piacere partecipare all’avventura, certa che ogni esperienza porta qualcosa di buono».
«Non ho avuto il tempo per fare una vera campagna elettorale per i miei impegni familiari di mamma e per quelli professionali – continua il volto tv – Credo però nel progetto e sono felice di farne parte. Molti in queste settimane hanno parlato negativamente della presenza di 702 candidati. Per me, al contrario, è un dato molto positivo perché significa che la gente si è resa conto di doversi dare da fare in prima persona. È un messaggio bellissimo per la città, ci vuole coraggio per mettersi in gioco. È bello soprattutto che lo abbiano fatto tante donne, che credo saranno assolutamente protagoniste dell’esperienza futura».
Il numero record di candidati in questa tornata elettorale a Como, secondo Elda De Mattei, è un elemento senz’altro positivo, che fa ben sperare per il futuro.
«Faccio i miei complimenti a tutti – dice – anche a chi non ha preso alcuna preferenza. Si tratta in ogni caso di persone vere e coraggiose. Nella vita contano i fatti e 702 persone candidate e pronte a mettersi in gioco sono fatti».
Per il futuro, Elda De Mattei non esclude ulteriori esperienze politiche.
«Mi sono divertita e ho avuto grandi soddisfazioni per quel poco che ho potuto fare a livello di campagna elettorale – conclude – Mi piace confrontarmi con la gente, capire cosa pensa e vuole. Non so cosa succederà. Sono abituata ad agire d’istinto e non so bene cosa accadrà. Sono comunque ottimista, un ottimismo che vorrei portare anche a Como, una città che ha grandissime potenzialità e belle persone che hanno bisogno di un’iniezione di fiducia».

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.