L’amore secondo Francesco Alberoni

alt

Personaggi – Il noto sociologo, teorico dell’innamoramento, ospite ieri nel salotto di “Angoli” su Etv con due nuovi romanzi

Il celebre sociologo e scrittore Francesco Alberoni è stato ospite ieri sera del salotto di Etv Angoli condotto da Roberta Pagnetti (nella foto Mv, l’ospite in studio) per parlare di amore, innamoramento e vita di coppia. Alberoni ha da poco inaugurato una nuova collana editoriale per i tipi di Sonzogno, dove ha proposto il saggio L’arte di amare. Il grande amore erotico che dura e, di recente, ben due romanzi a sua firma, Evita. Oltre l’amore il potere e Faust. Come il diavolo lavora per l’amore

(entrambi in vendita a 12 euro). Due romanzi a tesi che, applicando le teorie dello stesso Alberoni sull’innamoramento e sull’amore di coppia, indagano i giochi e le malizie dei rapporti di coppia e danno utili indicazioni per cogliere appieno i frutti del corteggiamento e dell’arte erotica.
Viviamo tempi difficili, in cui le cronache pullulano di notizie di donne maltrattate, seviziate, uccise da uomini pazzi di gelosia, colmi di collera, accecati dall’odio. «Oggi la donna si sente libera, emancipata. Può dire di no. E ha dalla sua una fantasia inesauribile nell’immaginario amoroso – commenta Alberoni – cosa che il maschio non ha, perché è rimasto ancorato a una visione arcaica, in cui il delitto d’onore ha ancora udienza. Ci vorranno decenni e generazioni, prima di giungere a un punto d’equilibrio».
Che, per Alberoni, comunque rimane possibile, come suggerisce dando ai lettori un messaggio di speranze nel romanzo Faust: da un amore-prigione in cui prevalgono le logiche del potere e del denaro è possibile sottrarsi, per riscoprire una passione sana, semplice, domestica e intima, senza sotterfugi. Una strada possibile «se – precisa il sociologo-romanziere – consideriamo l’amore di coppia un fuoco che si può alimentare costantemente, con un preciso training: occorre dirsi tutto e sentirsi bene nella vita quotidiana accanto al partner. Se l’amore finisce in una coppia, tutto rischia di sfasciarsi, come spesso succede: oggi molte coppie tirano a campare, sopravvivono, si illudono così di poter sfidare il tempo e non si parlano, non dicono l’uno all’altro quello che provano e così le ambiguità e i silenzi possono a lungo andare essere un cocktail esplosivo. Ci si conosce poco, e non ci si mette abbastanza in gioco nell’amore. Così hanno terreno facile gli avvocati divorzisti, becchini e boia delle coppie in crisi, privi degli strumenti concettuali per aiutarle».
Francesco Alberoni sta già lavorando a un nuovo romanzo che, sulla scia dei suoi numi tutelari letterari (Madame Bovary, Anna Karenina, Carmen e L’età dell’innocenza) illustrerà le sue tesi sul fronte della scrittura di pura invenzione.

L.M.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.