L’Anas e quei numeri “nascosti” dei costi della galleria

Com’è difficile comunicare
«URGENTE: Legge dell’8 febbraio 1948, n. 47 (in Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio, n. 43) – Disposizioni sulla stampa. Art.8 +++ RICHIESTA DI PRECISAZIONE URGENTE ANAS S.p.A.+++». Questo è l’oggetto della mail che, ieri mattina, l’ufficio stampa di Anas Spa ha inviato al direttore del “Corriere di Como” e, per conoscenza a una manciata di altri indirizzi della nostra redazione.
Tono ultimativo, non c’è che dire. L’articolo 8 della legge 47 del 1948, “urlata” nell’oggetto della
mail, tutela i soggetti «ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignità o contrari a verità». Quindi, secondo Anas, l’articolo pubblicato ieri offendeva la dignità dell’ente statale o, ancora peggio, era falso. Entriamo nel merito della questione, per lasciare poi a chi legge il compito di distribuire torti e ragioni.
Il mese scorso, il “Corriere di Como” ha condotto una campagna stampa per denunciare le condizioni della galleria di Cernobbio, la cui sicurezza già nel 2008 era stata giudicata «scarsa» dai tecnici di EuroTap, un progetto di test sui tunnel europei.
Nel 2009, Anas aveva promesso un intervento di rinnovamento dell’impianto da 5 milioni di euro. Non vedendo novità all’orizzonte e, soprattutto, constatando le pessime condizioni della vecchia galleria, giovedì 26 gennaio chiediamo una risposta ad Anas. Tra rimpalli e rinvii, passano cinque giorni. Martedì 31 gennaio, alle 17.28, arriva la solerte risposta di Giuseppe Scanni, direttore relazioni esterne di Anas Spa, che annuncia un maxi-intervento di ristrutturazione. Dalla lettera si evince che i costi dei lavori sono lievitati dai 5 milioni e 300mila euro iniziali a 14 milioni di euro. Così capiamo, così scriviamo: ad Anas sembra andar bene, visto che dalla data dell’articolo – 1° febbraio – a ieri dagli uffici romani non arrivano mail o telefonate minacciose. Tutto tace fino all’altroieri, quando Anas annuncia la pubblicazione del bando di gara per i lavori e l’amministratore unico della società, Pietro Ciucci, parlando di costi riferisce «un totale di 23 milioni di euro». Accidenti, pensiamo noi: altri 9 in più. E lo scriviamo.
Apriti cielo. La nostra colpa, dice Anas, è non aver capito sin dal primo comunicato – quello di Scanni – che i costi in realtà non erano 14 milioni, ma 23. Premesso che in quel comunicato mai, e sottolineiamo mai, si parla di 23 milioni, riportiamo il passaggio che, secondo Anas, avrebbe dovuto illuminarci fin da subito.
«Il costo dell’intervento è lievitato da 5 milioni a 14 milioni di euro, essenziali per consentire propedeuticamente l’installazione degli impianti tecnologici per la sicurezza affidati al Concessionario Tunnel Gest S.p.A. Infatti, sono previsti l’adeguamento degli impianti di ventilazione della galleria con l’estrazione automatica dei fumi in galleria, il rifacimento totale della centrale di ventilazione (mediante l’installazione di ventilatori di potenza maggiore rispetto all’esistente) e, di conseguenza, la realizzazione di una nuova rete di alimentazione e l’installazione di apparecchiature radio e video per il telecontrollo, per un importo lavori pari a ulteriori 9 milioni di euro». Mentre per noi gli «ulteriori nove milioni di euro» erano la differenza dai 5 ai 14, secondo Anas avremmo dovuto immaginarci chissà come di aggiungere quei 9 ai 14.
Evidente? Immediato? Ma soprattutto, chiaro? Secondo noi, no. Sarebbe stato sufficiente scrivere un bel “23 milioni”, a prova di fesso, nel primo comunicato, piuttosto che aggrapparsi, una settimana dopo, alla legge sulla stampa. E pretendere la pubblicazione di un comunicato da 3.484 battute (firme incluse) per il quale basterebbe a fatica l’intero articolo che stiamo scrivendo.
Ad ogni modo, il compito principale di Anas non è quello di comunicare (anche se la chiarezza è omaggio sempre gradito), ma costruire e sistemare strade. Perciò lo faccia. Sistemi la galleria, come promette dal 2009.

Andrea Bambace

Nella foto:
La manutenzione ordinaria in corso in questi giorni nella galleria di Cernobbio (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.