Cronaca

«Anziani in coda? C’è anche via Somigliana»

Il botta e risposta
Un cittadino protesta, ma l’assessore all’Ecologia difende la formula adottata
«Siamo facendo questo passo, che è comunque grande e nella direzione di un cambiamento di rotta e di qualità dell’agire nostro nei riguardi dei rifiuti, e il mio invito è ad essere collaborativi per centrare un obiettivo importante». Per sapere che cosa pensi davvero il Comune di Como delle procedure in atto per la consegna dei kit, è illuminante un dialogo via mail tra Massimo Rimoldi, un cittadino del capoluogo che accusa il Comune di «disorganizzazione ed inefficienza», e l’assessore

all’Ecologia e all’Ambiente di Palazzo Cernezzi Bruno Magatti.
«Mi sono presentato alla caserma De Cristoforis – ha scritto in una email all’assessore il cittadino – non per prestare servizio militare, bensì per ritirare il tanto pubblicizzato kit per la raccolta differenziata e qui è cominciata una lunga coda».
Dopo un’ora e mezza di coda, Rimoldi è finalmente arrivato al bancone «per ritirare dei sacchi del panettiere, un basket di plastica (che avrà vita breve) e una tessera, che probabilmente non userò mai. Se devo essere sincero, tutte cose facilmente reperibili in qualunque centro commerciale e sicuramente di dimensioni più idonee all’uso di quelle consegnate dal Comune, che le regala, ma se le ripaga con l’introduzione delle prossime Tasi e Tari».
Il dito nella piaga viene messo soprattutto per la coda eccessivamente lunga: «Non era pensabile spedire a casa la tessera con opuscoli vari e consegnare i kit insieme ai bidoni condominiali? Invece di far fare lunghe code ai cittadini, in particolare a quelli anziani, per i quali non è prevista una corsia preferenziale per il ritiro?».
«L’opportunità offerta alla Caserma – precisa nella sua risposta Magatti – si aggiunge (senza sostituirla) alla consegna organizzata tutti i giorni, dal 12 maggio in poi, sette giorni su sette e fino a domenica 8 giugno, presso i magazzini di via Somigliana; le ore di apertura della distribuzione alla De Cristoforis, cui lei si riferisce, saranno in tutto esattamente 33, distribuite su 6 giorni (sabati e domeniche, ovvero appositamente nei fine settimana). Sono, ovviamente, molto rammaricato soprattutto per le persone anziane costrette a stare in coda, ma non posso non chiedermi se proprio per tutti i presenti fosse impossibile, in quella situazione, prendere in considerazione l’alternativa (anche feriale) di via Somigliana. Concludo ricordando che il ritiro era organizzato su 8 (otto) “file”, con la presenza di 30 operatori».
E in merito alla necessità di una tessera per la discarica, Magatti ribadisce la necessità di un controllo serrato «per evitare che i cittadini comaschi debbano accollarsi i costi di smaltimento di rifiuti conferiti da residenti in altri Comuni. Vigilare sugli smaltimenti messi impropriamente in conto ai cittadini di Como è doveroso».
E di fronte alla contestazione in merito alla qualità dei sacchetti di carta da parte del cittadino, Magatti ne decanta alcuni vantaggi: «Grazie alla loro capacità di traspirazione, si riduce fortemente la formazione di percolato, il liquido che è causa del cattivo odore delle nostre pattumiere, e quindi si aumenta l’igiene in casa e si riducono drasticamente gli odori sia nelle abitazioni che in strada. Inoltre, aumenta la resa del riciclo e si favorisce un compostaggio di qualità».

Nella foto:
Il primo giorno di consegna dei kit per la raccolta differenziata in caserma (Mv)
22 Maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto