L’Arma dei carabinieri ricorda Sebastiano D’Immè. Il comandante: «Appartiene alla memoria di tutti»

L’anniversario della morte in servizio
Il comandante provinciale dei carabinieri di Como, colonnello Giovanni Fortunato Inghilleri, ha ricordato ieri il maresciallo Sebastiano D’Immè, ucciso 16 anni fa a Locate Varesino, durante una sparatoria mentre svolgeva un servizio antirapina.
«Aveva scelto di indossare l’uniforme nel 1987, a 22 anni, conscio dei sentimenti di ammirazione e di rispetto che essa ispira nella stragrande maggioranza degli italiani – ha ricordato Inghilleri – Il suo mondo è crollato in quella calda e tragica
mattina del 1996. Egli appartiene alla memoria collettiva, giacché non ha esitato a sacrificare quel suo mondo, rinsaldando ancora una volta il legame di indissolubile dedizione dell’Arma con l’intero tessuto sociale del Paese».

Nella foto:
Il comandante Inghilleri durante la cerimonia di ieri

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.