L’arte va in tournée nel nome della Comacina

Isola Comacina

Cresce l’associazione “Segreta Isola”, dedicata alla valorizzazione dei tesori d’arte e storia di cui è ricco il lago di Como e di cui è simbolo la sua unica isola, la Comacina. Il sodalizio ha archiviato un 2018 ricco di attività e inaugurato alla grande il nuovo anno con il successo il 25 gennaio  alla ex Casa del Fascio di piazza del Popolo a Como, sede del comanco provinciale della finanza, della rassegna Ragione e sentimento dedicata all’Astrattismo  e Razionalismo Lariano, che ha visto un afflusso di persone superare in poche ore i 400 ingressi.  Un successo che ha ribadito la funzione culturale di un luogo simbolo della Como culturale e dell’architettura del Novecento, visitata ogni anno da centinaia di appassionati.
Parte di quella rassegna con altre opere dedicate al tema dell’infanzia, come recita il comunicato ufficiale «come nascita della consapevolezza e coscienza universale», sarà poi portata all’Asilo Sant’Elia, altro capolavoro dell’architettura razionalista uscito dalla matita di Giuseppe Terragni, dal 26 luglio al 31 agosto prossimi.
A Villa Leoni di Ossuccio l’associazione sarà invece dal 3 maggio al 21 giugno con una esposizione all’interno della villa razionalista con opere  dedicate al centenario del Bauhaus (“Bauhaus cento anni dopo”) eseguite da artisti selezionati (si parla di 5-6 artisti per un totale di una trentina di opere) dal  comitato artistico del sodalizio che annovera personalità di spicco del dibattito culturale fra i quali il critico d’arte Massimiliano Porro, e gli artisti Fabrizio Musa, Attilio Terragni ed Adriano  Caverzasio.
Il critico d’arte Porro insieme a Paolo Aquilini, direttore del Museo della Seta di Como, terrà nel contesto della mostra  alcune conferenze legate al movimento fondato dall’architetto Walter Gropius nel 1919 a Weimar. Non si escludono eventi collaterali come momenti musicali che sono attualmente in via di definizione.
Successivamente nel mese di settembre, dal 7 al 28 settembre Segreta Isola sarà presente come ormai da tre anni a questa parte a Villa Mainona di Tremezzina, con una mostra denominata Amore e Psiche. Sarà un omaggio al Lago di Como, e ai personaggi celebri che l’hanno attraversato trovando molto spesso ispirazione artistica, musicale, e letteraria, nonché amore per i luoghi e  le sue meravigliose sponde. Questa mostra si avvarrà anche della collaborazione del fotografo Carlo Pozzoni, che seguirà e coordinerà il progetto fotografico, mentre la presidente della “Casa della Poesia di Como”, la scrittrice Laura Garavaglia curerà la parte letteraria del progetto cui saranno chiamati a partecipare poeti e scrittori del territorio ma anche voci internazionali, con testi ispirati al lago e ai suoi simboli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.