L’assalto alla città è ordinato. Lunghe code per la funicolare

Code funicolare

Clima finalmente primaverile, possibilità di spostarsi liberamente da comune a comune e pure da regione a regione grazie alla zona gialla, quella di ieri per Como e le altre località turistiche del Lario è stata una giornata di assalto. Tavolini all’aperto di ristoranti, bar e gelaterie pieni di clienti, lunghe code all’esterno delle principali attrazioni cittadine. Centinaia di turisti in particolare si sono messi in fila per salire a Brunate con la funicolare, che viaggia con capienza limitata per le disposizioni anti-Covid. In centro storico il collaudato senso unico pedonale ha retto.
In molti hanno approfittato della giornata per tornare anche nei tanti negozi di abbigliamento dentro le mura per lo shopping. Le forze dell’ordine, con i militari dell’Esercito e i volontari della Protezione civile, hanno presidiato i punti a maggiore rischio assembramento. Il bilancio della giornata si può dire comunque positivo. Nessun assalto nei musei aperti, ma la giornata del sabato a Como è più tradizionalmente legata allo shopping, all’aperitivo e al cosiddetto struscio lungo la “vasca”.
Oggi il flusso di arrivi potrebbe aumentare considerevolmente, con i cosiddetti turisti di vicinato, provenienti dal resto della Lombardia.
Continuano a mancare invece le presenze dalla Svizzera, visto l’obbligo di tampone per chi giunge dall’altra parte della frontiera, anche se qualche auto in più con targa “Ti” rispetto all’ultimo sabato si è iniziata a vedere nei parcheggi e negli autosilo della città. Il traffico veicolare non è mai collassato, nonostante la chiusura di viale Geno. Provvedimento necessario, considerata la grande presenza di pedoni, ma anche di tavolini dei locali. Tutti i ristoratori hanno infatti approfittato del bel tempo per tornare alla normalità dopo un lungo stop e un weekend con meteo avverso.
Le regole restrittive per i pedoni e per gli automobilisti vengono confermate anche per oggi nel capoluogo, come da ordinanza firmata dal sindaco Mario Landriscina.
Per la giornata odierna, dalle 14 alle 19, sono previsti l’obbligo di circolazione pedonale a senso unico e il divieto di transito per tutti i veicoli lungo alcune vie del centro storico, nello specifico lungo il percorso a quadrilatero composto da via Vittorio Emanuele, via Cinque Giornate, via Luini e via Indipendenza.
I pedoni dovranno circolare unicamente in senso antiorario. Nelle medesime strade è vietata la circolazione di tutte le categorie di veicoli (monopattini compresi). I veicoli autorizzati ad accedere ai parcheggi privati potranno sostare nell’area alberata di piazza Roma.
Senso unico pedonale antiorario anche nell’area verde attrezzata fronte a piazza Cavour, divieto di circolazione per tutte le categorie di veicoli in viale Geno e Lungo Lario Trieste, con eccezione per residenti. Chiusa la diga foranea.

Como centro storico

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.