L’autopsia non risolve tutti i dubbi della Procura. La morte del 30enne comasco resta un mistero

Mattia Mingarelli

La morte di Mattia Mingarelli rimane per il momento senza una spiegazione. L’autopsia sul corpo del 30enne comasco ritrovato lunedì in una scarpata in Valmalenco non ha, infatti, risolto i dubbi degli investigatori. La conferma è giunta questo pomeriggio direttamente dalla voce del procuratore capo della Repubblica di Sondrio, Claudio Gittardi, raggiunto al telefono dal Corriere di Como attorno alle 19.
«Il medico legale ha riscontrato fratture occipitali e orbitali compatibili sia con una caduta sia con un colpo causato da un corpo contundente».
Questo significa che il giovane di Albavilla, cadendo nella scarpata, potrebbe aver sbattuto violentemente la testa contro una roccia liscia. Oppure che potrebbe essere stato colpito con un oggetto arrotondato, un bastone ad esempio. «Per sapere di più dovremo aspettare gli esami tossicologici e del Dna», ha aggiunto il procuratore. Ci vorrà tempo ma serviranno a stabilire l’eventuale presenza nel sangue della vittima di alcool o droghe e le possibili tracce organiche lasciate da qualcun altro. Certo è, aggiunge il magistrato, che «non ci sono segni esterni evidenti», sebbene a una domanda specifica Gittardi non abbia voluto confermare l’assenza di tracce di lotta oppure di difesa sulle braccia o sul corpo del giovane. Il procuratore ha confermato poi un altro elemento importante: i suoi uomini stanno verificando «se, come e quando la zona in cui è stato scoperto il cadavere di Mingarelli sia stata effettivamente battuta» nei giorni scorsi dalle squadre di soccorritori.
A lungo si è infatti insistito sull’anomalia del ritrovamento del corpo in una porzione di bosco più volte percorsa anche dai cani “molecolari”. In realtà, almeno stando a quanto detto ieri da Gittardi, potrebbe anche essere possibile che la scarpata in cui era il corpo del 30enne di Albavilla non fosse stata controllata così come si è sempre detto. Il procuratore valtellinese ha infatti parlato ieri di una zona «soltanto in parte battuta».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.