Lavoratore “in nero” si amputò il braccio. In dieci a processo per le lesioni

alt A Guanzate nel 2009
In dieci a processo per un infortunio sul lavoro in cui un 35enne marocchino – che si è costituito parte civile (rappresentato dall’avvocato Arnaldo Giudici) – subì l’amputazione del braccio sinistro dal gomito in giù.
Un fatto che risale al 27 settembre del 2009 a Guanzate. Una storia triste, in cui non manca il lavoro in “nero” con cui l’immigrato prestava servizio nell’azienda che forniva legna da ardere alle pizzerie. Un passaggio, quello del lavoro in “nero” della vittima, più volte sottolineato nel capo di imputazione che racconta di quell’amputazione da cui derivarono «una malattia del corpo guarita in oltre 60 giorni, con incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per eguale periodo di tempo», e il conseguente processo per lesioni gravissime.

Quel giorno, tra l’altro una domenica, il 35enne stava armeggiando attorno ad un essiccatoio che si bloccò nel pieno delle operazioni «di carico e scarico della legna».
L’uomo, «nell’atto di liberare l’ostruzione» che si era venuta a creare, infilò «il braccio sinistro all’interno» dell’apparecchiatura che – secondo la tesi della Procura di Como (pubblico ministero Antonio Nalesso) – era stata modificata togliendo delle sicurezze. Quando la macchina si rimise in moto il braccio dello straniero rimase incastrato e amputato.
Per quel triste incidente sul lavoro, di un lavoratore per di più in “nero”, sono in dieci le persone finite in aula: si tratta dei datori di lavoro del 35enne, del proprietario dell’essiccatoio in questione, dei responsabili dell’azienda che costruì l’apparecchio, dei responsabili della ditta che modificò la macchina e dell’ingegnere che aveva seguito questi ultimi lavori. Il processo si è aperto e uno degli imputati – un 56enne di Lomazzo, datore di lavoro della vittima – ha avanzato la richiesta di patteggiare la pena.
Il processo è poi stato aggiornato al 19 febbraio 2013.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il palazzo di giustizia di Como dove si è aperto il processo per l’incidente sul lavoro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.