Lavoro, nel Comasco quasi 7mila assunzioni in più

Camera di Commercio

Nel 3° trimestre 2021 secondo i dati diffusi ieri dalla Camera di Commercio di Como e Lecco, le imprese sul Lario hanno previsto di effettuare complessivamente 17.300 nuovi ingressi, di cui 11.420 per la provincia di Como. Con una crescita di di 2.370 unità (+26,2) rispetto al precedente trimestre. Ancor più significativo è l’incremento delle assunzioni rispetto all’estate scorsa: a Como si passa dalle 4.570 assunzioni previste nel 3° trimestre 2020 alle 11.420 dello stesso periodo di quest’anno (+6.850 unità: +149,9%). Anche rispetto al 3° trimestre 2019 i dati risultano in aumento: a Como +12,7% (pari a 1.290 unità in più). Nel 3° trimestre 2021, il 33,6% delle entrate previste dalle imprese lariane (contro il 44,9% del 2° trimestre 2021) si concentra nel comparto industriale: si tratta di 5.810 nuovi contratti, di cui 820 riguardano il settore delle costruzioni.
Rispetto al 3° trimestre 2019 i nuovi posti di lavoro del comparto industriale risultano in crescita solo in provincia di Como (+260 unità: +8,5%). Gli ingressi previsti nel terziario sono 11.480 (ovvero il 66,4% del totale), in decisa crescita rispetto al 55,1% del 2° trimestre. L’intero comparto mostra un aumento delle assunzioni del 30,8% rispetto ai tre mesi precedenti (Como +30,5%). Rispetto al 3° trimestre 2020 il terziario lariano ha evidenziato una crescita di 6.590 assunzioni previste (+134,8%): per Como +4.660 (+135,9%). Con riferimento al 3° trimestre 2019 i nuovi posti di lavoro del terziario risultano in crescita in entrambi i territori: a Como di 1.030 unità (+14,6%).
Nel mese di luglio 2021, sulle 6.910 assunzioni programmate dalle imprese lariane (+150,7%, pari a +4.160 unità rispetto a luglio 2020; +32,9% e +1.710 persone rispetto a luglio 2019), la quota con contratto a tempo indeterminato risulta in calo di oltre 3 punti percentuali rispetto a luglio 2019 anche se in risalita rispetto al dato di luglio 2020,
Aumenta dal 57,6% del 3° trimestre 2019 al 62,5% la quota di nuovo personale che le imprese lariane hanno previsto di assumere con contratto a tempo determinato (a luglio 2020 il valore era del 66,7%).
A Como, la maggioranza dei nuovi ingressi a tempo indeterminato previsti a luglio 2021 si concentra nel manifatturiero e nelle costruzioni. Viceversa, il terziario vede una netta prevalenza di contratti a tempo determinato, soprattutto nei servizi alle persone e alle imprese (dove questa tipologia di assunzioni riguarda, rispettivamente, l’81% e il 71%. Rispetto a luglio 2019, sale la quota di assunzioni che le imprese lariane intendono riservare a personale laureato: si passa dall’11,4% all’11,9%. Tra i profili maggiormente richiesti nelle previsioni relative a luglio, sia per le imprese comasche che per quelle lecchesi troviamo soprattutto figure a media e bassa specializzazione: per Como “cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici” (950 persone, pari al 21,1% degli ingressi previsti a luglio); “operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, abbigliamento e calzature” (320: 7,1%); “personale non qualificato nei servizi di pulizia e in altri servizi alle imprese” (320: 7,1%); “conduttori dei mezzi di trasporto” (250: 5,6%); “tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione” (210: 4,7%), a pari merito con “operai delle attività metalmeccaniche richiesti in altri settori”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.