Lavoro: sciopero nazionale operatori servizi diversamente abili

Lavoratori in appalto chiedono trattamento uguale per tutti

(ANSA) – MILANO, 13 NOV – Hanno incrociato le braccia oggi in tutta Italia i lavoratori in appalto addetti alla cura delle persone diversamente abili in scuole e centri diurni e residenziali, gli addetti ai servizi di assistenza domiciliare, nel settore dell’accoglienza e delle povertà. Lo annunciano i sindacati di base Adl Cobas, Cobas Lavoro privato, Sgb e Sial Cobas. Per l’iniziativa, spiegano gli organizzatori, si sono tenute manifestazioni nelle principali città italiane nel rispetto delle norme sanitarie. In particolare ci sono stati raduni a Roma, Bologna, Reggio Emilia, Rimini, Firenze e Milano, dove una delegazione di lavoratori è stata ricevuta dal Prefetto. Tra le richieste dei Cobas il "superamento della frammentazione contrattuale e l’unificazione in un unico contratto di categoria a livello del pubblico impiego" e il riconoscimento del 100% del salario "in caso di un ulteriore lock down". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.