«Bere troppo alcol può essere devastante»

L’intervista a Michele Sforza
«Pubblicizzare lo sballo non è un comportamento responsabile». Lo sottolinea con decisione Michele Sforza, psichiatra e psicanalista alla clinica Le Betulle di Appiano Gentile, il quale commenta l’eterno conflitto tra i giovani desiderosi di scoprire il mondo e trasgredire e i genitori impegnati nel duro compito di educatori. «Sarebbe utile scrivere sui manifesti che pubblicizzano simili eventi, magari anche in piccolo, tutte le controindicazioni. Come si fa con i medicinali – dice

Sforza – Specificare a cosa può portare, fisicamente e psichicamente, l’abuso di alcolici o altre sostanze».
La valutazione è riferita allo «spremere soldi a qualsiasi costo. Promuovendo anche formule incomprensibili, come lo “sballone”. Dare alcolici in gran quantità e a buon mercato è estremamente pericoloso. E anche offrirlo ammantato di lustrini è insidioso. Si fa passare un messaggio estremamente negativo. Lo ripeto, l’abuso ha conseguenze devastanti. Poi – aggiunge – non ci si deve meravigliare di quanto accade. Alterazioni mentali e al cervello, per citare un esempio. La realtà prevede limiti, se questi vengono superati alla fine se ne dovranno pagare le conseguenze». A ulteriore e drammatica testimonianza di queste parole, anche la conclusione del ragionamento è significativa.
«Mi è accaduto spesso di parlare con colleghi che hanno fatto il turno di guardia in pronto soccorso nella notte di San Silvestro – conclude Sforza – I loro racconti sono lo specchio di quanto detto. Arrivano sempre più giovani in condizioni allarmanti. Molti in coma etilico. Una situazione che si sta sempre più deteriorando».

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Michele Sforza, psichiatra e psicanalista, lavora alla clinica “Le Betulle” di Appiano

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.