«Caso Foibe, la battaglia non è finita»

alt Lo studio sul Fronte della Gioventù

«La battaglia per il riconoscimento dei massacri delle foibe è iniziata molto tempo fa, ma non è ancora finita».
È stato questo il commento di Alessandro Amorese, scrittore ed editore, sul caso-foibe scoppiato la settimana scorsa a Como, dopo che l’Anpi aveva invitato a intervenire in una conferenza Alessandra Kersevan, storica che in passato ha suscitato diverse polemiche per le sue opinioni sulla questione dell’eccidio degli italiani residenti in Venezia-Giulia e Dalmazia.
Amorese

venerdì sera si trovava in città per la presentazione del suo ultimo libro, Fronte della Gioventù. La destra che sognava la rivoluzione: la storia mai raccontata.
L’autore, il cui intervento è stato introdotto dal consigliere comunale di Palazzo Cernezzi Marco Butti, ha ripercorso insieme ai presenti gli anni ’80 e ’90 dell’organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale, soffermandosi in particolare sui legami con la città lariana.
«È la sesta volta che presento il libro – ha detto il 39enne massese – e nessuno di questi incontri è avvenuto a Roma. Spesso si tende a identificare i movimenti di destra con la capitale, ma io racconto le storie di ragazzi che vengono da tutta la nazione, anche da città come la vostra Como, che ha fornito al Fronte molti dei protagonisti di quegli anni».
Tra questi l’ex senatore lariano Alessio Butti, che ha preso parte all’evento, così come il parlamentare europeo Carlo Fidanza e l’ex deputato Paola Frassinetti, appartenenti a Fratelli d’Italia.
Durante la serata Alessandro Amorese, che oggi fa parte del direttivo di FdI per la regione Toscana, ha rilasciato un suo parere circa la situazione politica attuale: «Quando Grillo dice che i partiti devono arrendersi perché sono circondati riprende uno slogan del Movimento Sociale del ’93, in protesta contro lo scandalo di Tangentopoli».

Marco Demicheli

Nella foto:
Un momento dell’incontro sul libro Fronte della Gioventù. La destra che sognava la rivoluzione: la storia mai raccontata

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.