«Cercheremo le risorse per intervenire»

alt La replica dell’assessore al Commercio
Ma avverte: «Oggi è sempre più difficile trovare fondi pubblici»

(f.bar.) Le lamentele dei commercianti arrivano direttamente a Palazzo Cernezzi. Le richieste degli storici operatori del mercato coperto non sono nuove. E l’assessore al Commercio del Comune di Como, Gisella Introzzi, è pronta a replicare.
«Purtroppo oggi è sempre più difficile trovare fondi pubblici per interventi importanti – spiega l’esponente di Palazzo Cernezzi – La riqualificazione del padiglione grossisti ha reso possibili alcuni lavori di consolidamento degli spazi sotterranei. E questo è un indubbio

vantaggio per tutti. Sono inoltre un’assidua frequentatrice del mercato e mi sembra di aver colto commenti positivi sulle operazioni in corso che avranno l’effetto di attirare più visitatori».
Ma sono i piccoli interventi a mancare, in base alla denuncia degli ambulanti. Una banale opera di tinteggiatura delle pareti e una maggior pulizia a fine giornata. Cosa che non può essere «garantita, nonostante l’impegno massimo dimostrato, da chi (si tratta di una sola persona) ha il compito di ripulire l’intera area in 4 ore», sottolineano gli stessi ambulanti.
«In effetti dobbiamo concentrarci su lavori semplici ma in grado di dare immediati risultati – aggiunge l’assessore Introzzi – Cercheremo ulteriori risorse finanziarie per intervenire e rispondere alle esigenze dei commercianti».
Nel frattempo la realizzazione del padiglione per i produttori a chilometro zero è in dirittura d’arrivo. «Questo intervento ha portato indubbi migliorie. Ad esempio, abbiamo regolarizzato tutti gli accessi ai magazzini. Abbiamo controllato e messo in sicurezza tutte le solette della struttura e realizzato ulteriori lavori», precisa Gisella Introzzi.
Guardando al passato, va ricordato che la costruzione del mercato di via Mentana ebbe inizio, ufficialmente, l’11 luglio 1933 e si protrasse per 391 giorni rispetto ai 240 giorni prefissati. I lavori furono ultimati nel settembre del 1934 e, rispetto al preventivo di spesa, il costo finale dell’operazione “Mercato coperto” fu di 2 milioni e 600mila lire.
Quasi un milione di lire in più rispetto a quanto venne appaltato in origine. L’inaugurazione del mercato generale annonario di Como fu fissata per il 28 ottobre 1934.
Nei tre padiglioni realizzati furono concentrati il mercato all’ingrosso e quello al minuto della frutta e della verdura, vari spacci di generi alimentari e il mercato al minuto dei produttori di frutta e verdura.

Nella foto:
A sinistra, ruggine sui cancelli esterni del mercato coperto. A destra, un particolare dell’interno del padiglione centrale della struttura di via Mentana

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.