Guido Gieri parla chiaro: «Colella non si tocca»

alt

Sono giorni di polemiche, ma Guido Gieri, dirigente azzurro, mette un punto fermo e parla chiaro

Mentre sul fronte sportivo, oggi, la squadra è impegnata in amichevole a Bizzarone con il Fenegrò, in casa del Como continuano a tenere banco le turbolenze seguite allo 0-0 con la Pro Patria.
A questo match sono seguite le contestazioni dei tifosi, non tanto alla squadra, ma all’allenatore Giovanni Colella, con la palese richiesta di cambiare la guida tecnica. Cosa che è stata esternata a fine partita nella giornata di lunedì, e anche l’altra sera allo stadio nell’incontro tra i dirigenti

Pietro Porro e Guido Gieri con i tifosi.
Un faccia a faccia in cui sono stati toccati vari argomenti, ma alla fine si arrivava sempre allo stesso punto: «Dovete esonerare Colella».
Al tecnico, in ogni caso, è arrivata la fiducia dei dirigenti, a partire dal presidente Pietro Porro. Ora, ad acque più tranquille, chiude il discorso Guido Gieri di S3c (la società che ha il controllo del Calcio Como), che alla riunione con i sostenitori era seduto a fianco dello stesso numero uno.
«Noi abbiamo difeso e andremo avanti a difendere il nostro allenatore – dice Gieri – perché sappiamo che persona sia e come lavora tutti i giorni».
«Giovanni Colella ha, come principio, quello della meritocrazia – spiega ancora – e non guarda in faccia a nessuno. E a noi questo piace».
Domenica scorsa, i tifosi gli hanno contestato le dichiarazioni, che poi lo stesso Colella ha confermato, seppure rispiegandole. L’impressione è che l’allenatore si sia spiegato male nella foga della conferenza stampa. Perché la frase «i giocatori si sarebbero aspettati più sostegno dai tifosi» è stata effettivamente detta. Ma poi, come ha spiegato il tecnico, lui voleva dire che «per l’impegno dei ragazzi, che hanno messo il 100%, alla fine sarebbero comunque dovuti arrivare gli applausi, anche se la partita non è stata positiva».
Fermo restando che si sta parlando di uno 0-0 contro una formazione non partita bene ma in costante crescita, ben messa in campo dal suo allenatore, Alberto Colombo.
«Colella è un timido – spiega ancora Gieri – e come tutti i timidi se si sente accerchiato o attaccato tende a diventare aggressivo. Ma è molto stimato, oltre che da noi, dalla squadra e, ripeto, sta lavorando bene».
«Non nascondiamo i problemi – aggiunge – e soprattutto il fatto che in questo momento l’attacco non sta carburando. Ma abbiamo gente che deve solo sbloccarsi: Lenoci, Perna, lo stesso Gallegos, ma potrei fare altri nomi, sono giocatori che in questo campionato possono fare la differenza. Serve soltanto un po’ di pazienza, ma sono sicuro che più avanti raccoglieremo i frutti del lavoro svolto dall’allenatore e da tutta la società».
Il dirigente vuole poi sottolineare: «Se andiamo a guardare ogni partita, vediamo che ci sono stati episodi sfavorevoli, magari gol sbagliati sottoporta. Se fossero arrivate un paio di reti, a quest’ora la storia sarebbe stata completamente differente».
«Ma allo stesso tempo – conclude Guido Gieri – voglio essere chiaro: io giudico questa stagione positivamente. Puntiamo ai playoff e in questo momento siamo in linea con l’obiettivo che ci siamo posti. Non solo, rispetto al nostro programma, che è disegnato su cinque anni, siamo avanti in tutti rispetto a quello che abbiamo prospettato quando siamo arrivati alla guida di questa società. La mia visione è positiva sempre: in questa fase servono ottimismo e pazienza».
Come detto, oggi alle 15 è in programma una partita amichevole contro la formazione del Fenegrò (eccellenza) al centro sportivo Inexere di Bizzarone.
Domani e sabato sono previsti allenamenti al mattino, mentre la domenica sarà di riposo. Come è noto, il campionato osserva un turno di sosta e riprenderà sabato 16 novembre con la trasferta con l’AlbinoLeffe.

M.Mos.

Nella foto:
Giovanni Colella dopo il pari con la Pro Patria è finito nel mirino dei tifosi azzurri

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.