Cronaca

«Conforto umano e preghiera per la vittima. Valuteremo la ripresa del processo canonico»

Il comunicato della Diocesi
«Verranno fatte le opportune valutazioni per la ripresa del procedimento canonico già avviato a carico di don Mauro Stefanoni. L’intera Chiesa locale è chiamata alla preghiera umile e fiduciosa, che ottenga dal Signore una grazia rinnovata di penitenza, di amore alla giustizia e di perdono».
Con queste parole la Diocesi di Como ha commentato ieri sera, con un comunicato stampa giunto in redazione, la notizia della conferma della condanna a otto anni di reclusione per don Mauro Stefanoni. L’ex parroco
di Laglio – che l’attuale vescovo, monsignor Diego Coletti, aveva già sollevato da ogni incarico pastorale dopo la prima condanna rimediata sul Lario – è tra l’altro il protagonista anche di un processo canonico incardinato da tempo e poi sospeso proprio in attesa dell’Appello e della Cassazione. Processo che, a questo punto, dovrebbe riprendere.
«La Diocesi di Como – si legge nel comunicato – prende atto delle decisioni assunte dalla Corte di Cassazione nel giudizio di terzo grado relativo alla vicenda che riguarda don Mauro Stefanoni. In questo momento, la paterna sollecitudine del vescovo si rivolge a tutte le persone coinvolte nella complessa vicenda. In particolare, a coloro che il dispositivo della sentenza penale ha riconosciuto come vittime del comportamento addebitato a don Mauro. Sinceri sono il conforto umano e il sostegno nella preghiera».
Non manca, tuttavia, anche un pensiero per il religioso, da ieri mattina rinchiuso nel carcere di Bollate. «Per chi è stato riconosciuto responsabile – si legge – accanto al rigoroso rispetto della sentenza emessa, non può venir meno il senso di vicinanza fraterna da parte di tutta la comunità diocesana»
Il vescovo di Como, monsignor Coletti, ha appreso la notizia mentre si trovava a Roma per i lavori della Cei, la Conferenza episcopale italiana.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il “Palazzaccio” a Roma, sede della Corte di Cassazione, che ha messo la parola fine alla vicenda di don Mauro
24 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto