Vip

«Dolcetto o scherzetto?». E Mario Balotelli regala le sue cartoline

alt

Quattro compaesani hanno suonato al campanello della sua casa di Limido
L’attaccante non si è sottratto al rito di Halloween

«Ho trovato due persone simpatiche e molto disponibili». Lo dice Chiara Semeraro, di Limido Comasco, che l’altra sera, nella notte di Halloween ha accompagnato, con lo zio, le sue due cuginette in giro per il paese a fare la solita domanda: «Dolcetto o scherzetto».
I quattro non hanno fatto eccezioni e verso le 22 hanno suonato il campanello nell’abitazione del cittadino più famoso di Limido, il calciatore del Milan e della Nazionale, Mario Balotelli.
E lui, al pari di altri suoi

compaesani, ha aperto il cancello sorridendo e non si è sottratto al rito della notte di Halloween.
«A dire il vero – spiega Chiara – all’inizio lui pensava che i dolci li avessimo portati noi. Comunque è stato molto gentile e ha scherzato con noi».
Anche quando i quattro – tutti tifosi nerazzurri – gli hanno detto che lo avrebbero preferito con la maglia dell’Inter. «No no, dai» ha detto ridendo SuperMario, come conferma Chiara Semeraro che poi ha aggiunto, in quello che era un colloquio molto cordiale: «Sono tua vicina di casa, ma non ti ho mai visto». Con le cugine che hanno aggiunto: «Noi invece ti sentiamo sempre passare».
Effettivamente, come è stato sottolineato in questi mesi di permanenza a Limido Comasco, Balotelli si è fatto notare più che altro per il rombo della sua Ferrari. E in paese è nota la sua riservatezza. Peraltro è proprio di questi giorni la notizia che l’attaccante del Milan e dell’Italia stia cercando casa a Milano. Con la sua fidanzata Fanny e il procuratore Mino Raiola, il calciatore ha visitato un po’ di appartamenti del capoluogo.
Quindi presto Mario dovrebbe abbandonare la villa che prima era stata abitata dall’argentino Hernan Crespo, dall’allenatore Hector Cuper e dal serbo Dejan Stankovic.
Ma, tornando all’episodio di Halloween, come è andata a finire? Dolcetto o scherzetto? «Lui ci ha aperto il cancello – spiega Chiara Semeraro, 24 anni – Poi è arrivata la sua fidanzata, Fanny, con un mazzo di cartoline di Balotelli». E con questo regalo ai quattro, il giocatore si è congedato. «Non posso che ribadire che sia Mario, sia Fanny sono stati molto cordiali – conclude la giovane di Limido – anche perché, quando abbiamo suonato al suo cancello e abbiamo visto che stava per aprirci, abbiamo pensato che ci avrebbe mandato a quel paese. Con noi si sono dimostrati molto alla mano».
Mario Balotelli è solo l’ultimo di una lista di calciatori e personaggi del mondo del calcio che hanno scelto come residenza il Lario, anche se presto se ne andrà. Un altro grande milanista come Andriy Shevchenko scelse di andare a vivere a Blevio. E non era difficile, qualche decennio fa, trovare per le vie del centro cittadino gente come Ruud Gullit o Frank Rijkaard. In tempi più recenti Zlatan Ibrahimovic aveva scelto di vivere a Cernobbio.
Ma il Comasco, per tradizione, è più legato all’Inter – paraltro la squadra in cui Balotelli è cresciuto – Oltre al già citato Cuper, hanno vissuto sulle rive del Lario grandi allenatori come Helenio Herrera (che abitava in via Recchi in città) e Josè Mourinho. Javier Zanetti, lo storico capitano nerazzurro, ha deciso di rimanere nella sua casa sulle rive del lago anche a fine carriera.
Infine una curiosità: Pep Guardiola se fosse venuto al Milan, come era stato ipotizzato, aveva fatto sapere che avrebbe voluto una villa sulle rive del lago. Poi è andato al Bayern e non se ne è fatto nulla.

Massimo Moscardi

Nella foto:
Vicini di casa
Chiara Semeraro e Mario Balotelli  vivono a pochi metri di distanza a Limido Comasco. Nella notte di Halloween la 24enne – con due cuginette e lo zio – ha suonato al campanello dell’abitazione del centravanti del Milan e dell’Italia. Balotelli e la sua fidanzata Fanny hanno risposto con grande cordialità
2 Nov 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto