Le battaglie della storia a Lurago d’Erba

"Allegoria della Battaglia di Lepanto", dipinto di Paolo Veronese “Allegoria della Battaglia di Lepanto”, dipinto di Paolo Veronese

Giovedì 12 aprile, alle ore 21, la Biblioteca Comunale di Lurago d’Erba ospiterà il quarto appuntamento della rassegna storica Le grandi battaglie della storia organizzata dalla Biblioteca Comunale di Merone, in collaborazione con l’Associazione Amici della Biblioteca Comunale di Merone, per affrontare insieme alcune tra le più importanti stagioni del nostro passato.

Il dottor Mattia Casiraghi, medievista, dottore di ricerca presso l’Università degli Studi di Milano, parlerà della battaglia di Lepanto, la più grande battaglia navale combattuta nel Mediterraneo, che vide sfidarsi un’alleanza di molti paesi cattolici, tra cui Spagna, Stato Pontificio, Venezia e Genova e, dall’altra, l’Impero Ottomano.

Fu un evento epico: 150 mila uomini imbarcati, 400 navi, milioni di scudi spesi e 30 mila morti in una manciata di ore. Una battaglia che per molti libri di storia è stato un decisivo scontro tra civiltà, dalla quale però nessuno uscì veramente vincitore.

 

La vicenda, che segnò i rapporti tra Occidente e Oriente, inizia il 2 luglio 1570, con l’attacco ottomano all’isola di Cipro, sotto il dominio veneziano e finisce la sera del 7 ottobre 1571, quando la flotta della Lega Santa composta da veneziani, genovesi, Stato Pontificio e spagnoli, affronta, distruggendola, la flotta ottomana nella baia di Lepanto.

 

Modererà l’incontro Gilberto Bolliger Zambetti, laureato in storia contemporanea all’Università di Bologna, docente di storia e filosofia al Liceo Scientifico Statale “G. Galilei” di Erba.

La conferenza del professor Casiraghi non sarà l’unico appuntamento della settimana. Infatti, venerdì 13 aprile inizierà la seconda parte del “Progetto legalità” rivolto agli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo di grado di Lurago. Alle 11, presso la Sala Consiliare, per la XXIII Giornata della Memoria e dell’Impegno, che è stata celebrata lo scorso 21 marzo, l’Associazione Culturale Teatro d’Acqua Dolce presenterà alle classi quarte e quinte della scuola primaria Il seme che cade nella terra buona – I frutti delle terre confiscate a cura e con la partecipazione di Gabriele Penner.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.