Le celebri foto di Vergani a Palazzo Zaffiro Isacco

Scatti d’autore
Il valore umano e civile del lavoro del fotoreporter, chiamato a documentare il mondo e, in esso, la vita, le storie, i problemi degli uomini, rende esemplari le fotografie della mostra Amedeo Vergani, lo spazio che racconta, visitabile fino a domani a Palazzo Zaffiro Isacco di Merone (orario 10-21, ingresso libero).
Le “foto che raccontano” di Vergani, nato a Erba nel 1944 e fotogiornalista dai 33 anni, dopo una lunga esperienza come giornalista, non sono infatti mai distinguibili

dalle storie che da esse traspaiono. Le persone sono colte nella loro concretezza esistenziale, fatta di particolari oggettivi – mai trascurati a favore di un’indeterminatezza estetizzante – come di sguardi fissati in momenti spontanei irripetibili. Ognuna delle 80 foto esposte a Merone incornicia una condizione umana, a cominciare dall’Italia dei mille campanili, dei costumi tipici e dei riti, ritratta però in antitesi al folclore di maniera. Non diversamente colpisce la singolare unicità di ciascuna foto che documenta gli innumerevoli e faticosi viaggi all’estero, in particolare nel Nord Africa e Asia. Le foto di Vergani sono state pubblicate dalle maggiori riviste illustrate italiane e straniere ed esposte in grandi musei e rassegne.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.