Cronaca

Le fiere, il Lario e l’esempio di Proposte

L’ex presidente di IdeaComo: «Il calendario era troppo affollato» Piercarlo Viganò: «Il nostro salone funziona perché siamo uniti»
(m.d.) «È triste pensare che Como debba vendere i suoi tessuti in Francia». Le parole di Fausto Puglisi, direttore creativo della Maison Ungaro, aprono il dibattito sul ruolo delle fiere del tessile-abbigliamento. Como ha abdicato alle sue rassegne, da IdeaComo a Shirt Avenue, confluite nel 2005 in Milano Unica e prima ospitate a Villa Erba assieme a IdeaBiella.
«Ha ragione Puglisi – esordisce Beppe Pisani, imprenditore serico, per un decennio alla guida di IdeaComo e cofondatore di Milano Unica – Il made in Italy andrebbe supportato diversamente e a volte sono gli stessi stilisti a non volerlo fare. Le firme della moda si servono di noi produttori di tessuti e dei nostri servizi, ma quando chiediamo loro una mano, hanno sempre da fare».
L’imprenditore che ha gestito l’addio di IdeaComo al Lario sottolinea poi che «a Como sono sempre mancati i personaggi disposti, con forza e volontà, a guidare il distretto serico, indirizzandolo verso porti sicuri, diversamente da quanto avvenuto a Biella, dove due grandi aziende, Zegna e Loro Piana, hanno sempre trascinato l’intero distretto. Qui da noi, invece, è prevalso l’individualismo: ognuno pensa solo per sè».
Secondo Pisani, inoltre, l’agenda delle fiere del tessile-abbigliamento è stracolma di appuntamenti. «Un paio di giorni prima di Milano Unica si è conclusa la fiera degli agenti a Monaco di Baviera e tutti noi eravamo lì – spiega – Prima ancora ci sono state le rassegne in Veneto e in Emilia. Poi siamo andati tutti a Parigi, a Première Vision, quindi in Spagna, a Dubai, poi ancora a Instanbul, in Giappone e in Corea». Insomma, non c’era più spazio per le rassegne in riva al Lario.
«Oggi le aziende viaggiano molto, vanno a trovare i clienti all’estero – conclude Pisani – Il mondo è cambiato e le fiere sono vecchie».
In riva al Lario, a Villa Erba, è rimasto però un salone tessile, dedicato alle stoffe per l’arredamento, che viaggia a gonfie vele e che dal 1993 cresce in termini di espositori e di visitatori. Si tratta di “Proposte”.
«La nostra fiera funziona perché è gestita, fin dalla nascita, da noi imprenditori – afferma il presidente Piercarlo Viganò – Non c’è mai stata conflittualità tra i componenti del consiglio di amministrazione, siamo sempre stati molto uniti. Abbiamo saputo confrontarci costantemente con la realtà del nostro settore e adeguare la nostra rassegna».
Nel campo dei tessuti per arredamento, le altre fiere di riferimento sono soltanto due e si tengono a Francoforte e a Bruxelles. A Milano non vi è nulla che possa fare concorrenza. «La nostra fiera funziona alla perfezione, non c’è bisogno di altri saloni qui», conclude Viganò. Che aggiunge: «Oggi per stare sul mercato bisogna sia partecipare alle fiere sia andare nei mercati esteri».
La pensa diversamente Fabio Panzeri, designer e consulente creativo comasco che attualmente collabora, tra gli altri, con Trussardi e Pirelli.
«In questa fase storica – afferma – penso sia molto difficile organizzare bene qualcosa in Italia, come testimoniano i tanti problemi che caratterizzano il cammino di Expo a Milano. Allo stesso tempo è difficile catalizzare l’attenzione su un singolo evento». Partendo da questi presupposti, Panzeri sottolinea che «una fiera specifica del tessile a Como non mi sembra una priorità, perché i tempi sono cambiati e pensare di legare la promozione della propria merce al luogo di produzione, in questo caso Como, è anacronistico e segno di una visione obsoleta. Oggi la promozione si fa su Internet o nei luoghi dove si concentra l’attenzione dei potenziali clienti. Condivido quindi il fatto che i produttori lariani girino il mondo, andando dove si creano i flussi di mercato. Il mondo è cambiato ed è inutile stare ad aspettare che siano gli altri a venire da te, come succedeva anni fa. Si deve andare in giro per il mondo. Io stesso, in questo momento, sono a New York».

Nella foto:
Un’immagine di IdeaComo a Villa Erba. La rassegna è poi confluita in Milano Unica
9 Ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto