Le medicine fasulle viaggiano online. L’allarme del ministero

altGrosso giro d’affari

(f.bar.) Il tarocco farmaceutico viaggia online. In provincia di Como il giro d’affari ammontava, nel 2012, a 500mila euro. Il fenomeno dei prodotti non originali, anche nel settore dei medicinali, è dunque una realtà in forte espansione e sempre più preoccupante.
Sul web, già da alcuni anni, si trova ormai di tutto. E diventa sempre più facile acquistare ciò di cui si ha o si pensa di avere bisogno. Esponendosi a seri rischi per la salute. Già in passato l’Ordine dei farmacisti di

Como aveva invitato alla massima cautela.
In rete si possono trovare medicinali regolari venduti a basso prezzo e senza ricetta medica ma, molto più spesso, ciò che si compra – ovvero la confezione – è in apparenza perfetta, salvo poi contenere qualcosa di non controllabile e quindi potenzialmente dannoso. La recente indagine condotta da Adoc, Codacons e Codici sul “tarocco” ha individuato, anche in questo campo, una forte propensione alla contraffazione. Il tema della regolamentazione della vendita online è da sempre tra le priorità a livello nazionale.
Il ministero della Salute lavora per giungere in tempi brevi alla disposizione del blocco dell’e.commerce in tale settore. Questa pratica, infatti, crea preoccupazioni oltre che per il danno economico anche per il rischio sulla salute. Giusto pochi giorni fa anche il ministro Beatrice Lorenzin ha ribadito come si tratti di «una realtà grave che ha in sé notevoli rischi. Cercheremo di ribadire il divieto alla vendita online di farmaci con obbligo di prescrizione».

Nella foto:
Il mercato delle medicine online è molto fiorente

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.