Le neve “gela” i treni: il calvario dei pendolari

neve, como, marciapiedi, ghiaccio, spalaneve Neve sui marciapiedi della città © FKD-F.Diotti

Pochi disagi sulle strade, giornata nera per i treni. La nevicata di ieri ha avuto pesanti ripercussioni sulla circolazione ferroviaria. La situazione peggiore sulla linea Chiasso-Como-Milano, completamente interrotta fino a Seregno per dieci ore, per problemi alla linea di alimentazione elettrica fra Carimate e Chiasso causati dal maltempo.
Interrotta dalle 5 del mattino, la circolazione è ripresa dalle 15 a senso unico alternato e solo verso le 17 a pieno regime. Venerdì nero anche per i pendolari della Milano-Asso, alle prese con ritardi e soppressioni, sempre a causa della nevicata.
Problemi nella mattinata di ieri non solo sui binari, ma anche sulle autostrade, comprese l’A9 e l’A8, il ramo varesino dell’Autolaghi, dove le abbondanti nevicate hanno creato rallentamenti e blocchi, legati anche al traffico di mezzi pesanti. Disagi contenuti, invece, sulle strade provinciali, zone montane comprese.
«I problemi di bilancio di Villa Saporiti sono noti e sono gravi, ma abbiamo garantito gli interventi di salatura e di rimozione della neve – assicura Mirko Baruffini, consigliere provinciale con delega alla Viabilità – Non ho avuto alcuna segnalazione di problemi seri o situazioni difficili. Anche dalla Valle Intelvi ho avuto riscontri positivi».
Nei prossimi giorni, quando potrà considerarsi archiviata questa ondata di maltempo, la Provincia dovrà fare i conti. «Non so ancora nel dettaglio quanto ci costeranno questi due giorni di maltempo – dice Baruffini – Aspettiamo di avere un conto dettagliato. Come è noto, avevamo ancora a disposizione una somma di circa 80mila euro per gli interventi stradali invernali. Ora si tratterà di rifare i conti e poi di affrontare comunque i problemi economici che non dipendono dalla Provincia ma dalle decisioni a livello nazionale».
Regolare, invece, la circolazione degli autobus della linea C43 tra Ponzate e Civiglio dopo i problemi registrati giovedì pomeriggio. Situazione sotto controllo, dunque, sul fronte della viabilità.
A preoccupare ora sono i marciapiedi, che potrebbero diventare pericolose lastre di ghiaccio al ritorno del sole, mentre i vigili del fuoco hanno lavorato intensamente, nelle ultime 24 ore, per tagliare le piante appesantite dalla neve e che avrebbero potuto invadere la sede stradale, creando problemi alla circolazione. Una quarantina gli interventi dei pompieri comaschi solo nella notte tra giovedì e venerdì.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.