Le nuove tasse sono utili, gli sprechi no

GARANZIA DI SERVIZI AI CITTADINI
Berlusconi ha abolito l’Ici per ottenere voti e farsi eleggere, e ci è riuscito. Tutti contenti. Adesso ne paghiamo le conseguenze. L’Imu sta cercando di recuperare gli arretrati. Tutti scontenti. Ma le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: strade dissestate, buche ovunque, sporcizia, parchi pubblici inagibili, per non parlare delle paratie, Ticosa, eccetera.
Allora, se ci lamentiamo dell’Imu, non possiamo lamentarci dello stato di degrado, se i soldi non entrano nelle casse comunali. Io non mi lamento: dopotutto, uso le strade del comune, che devono venire pulite d’estate e d’inverno; se ho bisogno della polizia posso contarci, e così pure dei vigili del fuoco e della Croce Rossa. Mi piace sedermi su una panchina di un parco senza rimanere incollata dalla gomma da masticare e mi piace camminare di sera su strade ben illuminate.
Lo spreco (o peggio) di soldi pubblici? C’è, ma allora prendiamocela con lo spreco, non con una tassa che ci aiuterà a migliorare la nostra vita e che esiste in tutti i Paesi civili, in misura ben maggiore che in Italia. Mi pare che i più “vociferi” sono quelli con la sigaretta in bocca, col cellulare ultimo modello all’orecchio, in una macchina di lusso usata anche per andare a prendere il pane e il giornale. Fumiamo di meno, parliamo di meno, usiamo la macchina di meno, camminiamo di più, e riusciremo a pagare le tasse dovute!

Anna Lisa Glauber

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.