Via Milano chiusa, le parole dell’assessore Bella e del comandante Ghezzo

L'assessore Vincenzo Bella

«L’ordinanza che riguarda la chiusura di via Milano viene gestita dalla polizia locale che evidentemente sabato si è resa conto che per far defluire il traffico doveva riaprire la strada alle auto. Si tratta – ribadisce l’assessore alla Mobilità di Palazzo Cernezzi, Vincenzo Bella – di una sperimentazione dinamica. Come da provvedimento, tendenzialmente, la via è chiusa, ma deve essere gestita nel complesso delle circostanze che possono di volta in volta verificarsi».

Soltanto una «sperimentazione» quindi, che non solo i comaschi stanno pagando cara. Da una parte i residenti e i commercianti, dall’altra chi arriva a Como in auto nei weekend degli eventi natalizi.

«Stiamo monitorando i flussi per capire cosa accade se fermiamo il traffico in via Milano per un maxi evento e per far passare soltanto i bus», ha aggiunto ieri a Espansione Tv, Vincenzo Bella. «Non è una retromarcia né un cambio di passo aver consentito la circolazione a momenti alterni – ha precisato sempre all’emittente comasca il comandante della polizia locale di Como, Donatello Ghezzo – l’obiettivo del provvedimento è rendere più snello il traffico per i mezzi pubblici così da incentivarne l’utilizzo, favorendo appunto gli autobus rispetto alle auto private».

Solo una «sperimentazione» per l’assessore, nessuna «retromarcia» per il capo dai vigili. Retromarcia, appunto, quella che i tanti prigionieri della coda di sabato pomeriggio avrebbero voluto inserire a bordo delle loro automobili per fuggire da Como.
A fare cambiare idea su via Milano all’assessore e al comandante della polizia locale ci prova ora la politica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.