Le piene del Lario nella storia: la prima nel 1431

Esondazione Lago di Como 2019

Ha iniziato molto presto Como a fare i conti con le esondazioni del lago. Il primo “allagamento” della città riportato nei libri di storia risale al 1431, ovvero quando ancora piazza Cavour era un porto (rimase tale fino a 150 anni fa, ovvero al 1869). Lo storico Roberto Rusca cita invece le esondazioni del ’600. All’angolo tra le vie Volta e Raimondi, una lapide ricorda l’arrivo del lago nel 1673. Altre inondazioni avvennero nel ’700 e nell’800, quando si cominciò a pensare a possibili rimedi, ma pure il progetto per utilizzare il Lario come un grande serbatoio d’acqua per irrigare i terreni della pianura e per produrre energia. Era il 1830. Nel secolo scorso arrivò la diga di Olginate, inaugurata nel 1946. Un’opera che permette l’irrigazione di 120mila ettari di terreno e la produzione di elettricità. Ha otto paratie, regolate da un terminale che decide l’altezza degli sbarramenti: quando l’acqua a monte sale troppo di livello, oppure quando a valle occorre maggiore afflusso, le otto paratie vengono sollevate. È gestita dal Consorzio dell’Adda che provvede al suo esercizio.
Dall’ente dipendono i deflussi dell’acqua e, di conseguenza, il livello del lago. Uno studio di Giuliana Malusardi e Ugo Moisello, docenti dell’Università degli Studi di Pavia, Dipartimento di Ingegneria idraulica e ambientale, spiega che la quota a partire dalla quale Como va sott’acqua non è costante nel tempo. Per convenzione ha un valore di 120 cm. sopra lo zero idrometrico. Ma il fenomeno della subsidenza ha un peso determinante.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.