Le sfide del nuovo anno agonistico. Obiettivi e ambizioni degli sportivi di punta del panorama lariano

1ariannaUn nuovo anno che è appena iniziato, per tutti e per lo sport comasco, con i suoi protagonisti sempre in prima linea in tutte le discipline. Il “Corriere di Como” ha chiesto ai più importanti atleti, dirigenti e tecnici (nella foto la campionessa olimpica e mondiale Arianna Errigo con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano), di tracciare propositi e obiettivi per il 2014. Ecco le loro risposte. 

ARIANNA ERRIGO (campionessa di scherma): «Sono già proiettata sulla nuova stagione agonistica: a febbraio inizieranno le otto gare di Coppa del Mondo. Poi ai primi di agosto ci saranno i Mondiali a Kazan in Russia: vincere l’oro iridato, come nel 2013 a Budapest, sarà l’obiettivo principale di quest’anno».
CLAUDIO CORTI (pilota Mv Agusta-Superbike): «Il mio obiettivo per il 2014 è molto ambizioso ma non impossibile: mi piacerebbe cercare di centrare una vittoria al rientro ufficiale nelle gare di un marchio storico come quello di Mv-Agusta».
PIETRO PORRO (presidente Calcio Como): «Non voglio fare troppi proclami o tracciare obiettivi. Dico solo che dobbiamo pensare a migliorarci costantemente e a lavorare bene come abbiamo fatto fino ad ora per essere pronti nel momento decisivo della stagione».
STEFANO PICCARDO (allenatore Como Nuoto di pallanuoto): «Il nostro auspicio? Ci auguriamo di diventare una salda rossa all’interno del campionato di serie A1 di pallanuoto, che da tutti è definito come quello più bello del mondo».
SILVIA CHINELLATO (promessa del tennis): «Mi sono posta l’obiettivo di migliorare la classifica Under 18 internazionale Itf per poter giocare i tornei Grand Slam come Wimbledon e Roland Garros. Inoltre devo cercare di entrare nella classifica del ranking Pro Wta e migliorarla costantemente».
MARIA MAGATTI (nazionale di RUGBY): «I miei obiettivi per il 2014 sono vincere il campionato con la mia squadra, il Monza, e poi partecipare al Torneo 6 Nazioni con la Nazionale italiana».
ELISABETTA SANCASSANI (nazionale di canottaggio): «L’obiettivo massimo del 2014? Saranno i Mondiali ad Amsterdam. Ma prima di arrivare alle gare iridate ci saranno gli Europei e una o due tappe di Coppa del Mondo, senza dimenticare le più importanti prove nazionali. Poi nel 2015 penseremo alla qualificazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro».
GIORGIO TAVECCHIO (giocatore di football americano negli Usa): «Nel 2014 continuerò con questa gran bella avventura di football americano. I Detroit Lions mi hanno messo sotto contratto. Dio volendo (dopo San Francisco e Green Bay, ndr), il terzo giro sarà quello giusto».
MALIK ABES (coach briantea 84 basket paralimpico): «L’obiettivo è riconfermarci a tutti i livelli. Portiamo cucita sulle maglie la responsabilità di uno scudetto e non vogliamo disonorarlo. Sarà dura il nostro avversario di sempre è il Santa Lucia Roma, che troveremo anche nella fase preliminare di Eurolega. In Europa, puntiamo alla Champions League. Quale regalo migliore per una società che festeggia i suoi primi meravigliosi 30 anni? Le sfide cruciali sono tutte da giocare, quindi non resta che abbassare la testa e lavorare duro come abbiamo fatto finora».
DAVIDE VALSECCHI (PILOTA, AUTOMOBILISMO): «Il 2013 non è stato un anno soddisfacente: in tutta sincerità speravo di poter correre con la Lotus quando Kimi Raikkonen si è infortunato e il fatto di non essere stato scelto dal team mi ha dato grande delusione. Per il 2014 non ci sono sbocchi in Formula 1: per questo motivo sto cercando nuove opportunità altrove, magari in America, anche se non è comunque facile. Stiamo lavorando per trovare una soluzione positiva e un volante importante».
GIOVANNI COLELLA (allenatore del Calcio Como): «Il nostro cammino nel campionato di Prima Divisione è come una salita che dobbiamo superare con il lavoro e con l’impegno quotidiano negli allenamenti e la domenica alle partite. L’obiettivo finale? Dare soddisfazioni a tutti».
ROBERTO BARGNA (campione paralimpico di ciclismo): «Nel 2014 punterò sui più importanti appuntamenti nazionali e internazionali. La prossima stagione sarà imperniata su due appuntamenti principali: la Coppa del Mondo. con relativa classifica generale e i Mondiali. Ci saranno anche gli Italiani e altre gare di Coppa Europa, di cui attendiamo il calendario».
DAVIDE GEROSA (campione del mondo di canottaggio Junior): «Dopo un 2013 così pieno di soddisfazioni, per questo 2014 spero di ripetere l’esperienza con la maglia della Nazionale, supportato da una grande società sportiva come la Canottieri Lario, sempre attenta e premurosa nei confronti dei suoi atleti».
ERIKA FASANA (ginnasta): «Ho ripreso ad allenarmi dopo un anno di stop per infortunio. In questo periodo, in cui sono rimasta ferma, la concorrenza è cresciuta notevolmente. Ci sarà da lottare per tornare ad avere un posto tra le migliori e quindi in Nazionale».
ANNA CAPPELLINI (azzurra di pattinaggio su ghiaccio): «Dopo la partecipazione alla finale del Gran Prix, ora si prospettano gli impegni più importanti con gli Europei, i Mondiali e le Olimpiadi Invernali di Sochi. Non voglio fare una graduatoria di importanza: dico che io e il mio compagno Luca Lanotte dobbiamo essere pronti a dare sempre il meglio e a lottare per l’obiettivo massimo».
SANTINO STILLITANO (portiere Nazionale Sledge hockey): «La mia speranza è di onorare al meglio la maglia della Nazionale alle Olimpiadi di Sochi. L’obiettivo è arrivare in zona podio: firmerei per il terzo posto. Ma ho anche un altro pensiero che riguarda la nostra realtà. Spero che si metta a posto la situazione per tutte le famiglie che ultimamente sono in crisi per la perdita del posto di lavoro. Nel 2014 speriamo davvero in una ripresa».
LUCA AMBROSOLI (presidente Hockey Como): «Oltre a far bene nel torneo di B con la prima squadra, per noi è importante il settore giovanile dove stiamo lavorando con ottimi risultati. Abbiamo avuto un notevole incremento di iscrizioni ai corsi per bambini (4/6 anni) e abbiamo tante categorie giovanili che stanno facendo un buon campionato. E questo grazie anche ai nostri sponsor, che in una fase di crisi ci stanno dando un aiuto importante».
STEFANO GENTILE (giocatore Vitasnella Cantù): «Nel nuovo anno ci piacerebbe avere in trasferta lo stesso rendimento che abbiamo tra le mura amiche. Vincere sul nostro campo sarà difficile per tutti, ma ora vogliamo anche noi imporci più spesso fuori casa. Sono fiducioso perchè, più passa il tempo, più siamo una squadra unita e compatta in cui tutti hanno il proprio ruolo e le proprie responsabilità: questa è la nostra forza e sono sicuro lo sarà anche nel 2014».
FABRIZIO SCHEMBRI (atletica, nazionale nel salto triplo): «I miei obiettivi per quest’anno sono principalmente due: centrare i Mondiali indoor e gli Europei di Zurigo. Ma allo stesso tempo devo cercare di stabilizzare le mie prestazioni sopra certe misure e la cosa non è certo secondaria».
MAURIZIO CAGGIANO (PUGILE PROFESSIONISTA): «Il 2014 sarà per me l’anno della verità: sono pronto a dare il massimo per avvicinarmi al titolo italiano e spero che con l’aiuto del mio manager, Mario Loreni, e con il supporto della Nuova Pugilistica Comense, questo progetto possa diventare realtà, anche per dare soddisfazione ai tifosi comaschi di questo sport, che mi seguono sempre con grande interesse e passione».
PAOLO PORRO (rallista, campione italiano 2013 Trofeo Asfalto): «Diciamo che l’obiettivo è correre e riuscire a imbastire, compatibilmente con tutto, un programma. Poi ho un mio sogno che spero di realizzare, ossia gareggiare al volante di una Citroen C4 Wrc».
LUCA SCHIERA (alpinista): «Il 14 gennaio partirò, con gli altri compagni di spedizione, per la Patagonia per la scalata al Cerro Torre. Inizieremo dalla parete Est poi, dopo il passaggio dal Colle della Conquista, proveremo l’assalto alla vetta sulla parete Nord. Un’impresa difficile: molto dipenderà anche dalle condizioni del tempo».
GIORGIA GREGORIO (azzurra di wakeboard): «Sicuramente parteciperò ai Campionati europei nella categoria Open e spero anche in una convocazione alla World Cup. Non abbiamo ancora fissato la partecipazione ad alcuna gara; per il momento, durante l’inverno, punto principalmente a tenermi allenata in palestra».
GIOVANNI E PAOLO MORINI (nazionali Under 20 di hockey): «L’obiettivo primario per il 2014 è sicuramente quello di arrivare a medaglia nel campionato svizzero Elite A under 20 che stiamo disputando a Lugano. È un traguardo estremamente difficile da raggiungere, tuttavia la nostra è una buona squadra e crediamo di avere tutte le carte in regola per farcela. Sul piano personale, inoltre, lavoreremo ancora per migliorare le nostre capacità per cercare di raggiungere i livelli necessari a entrare in una prima squadra».
DANILO BERNASCONI (subacqueo): «Dopo la conquista, a settembre, del record mondiale di permanenza sott’acqua, posso annunciare che anche il 2014 sarà ricco di nuove sfide subacquee ed emozionanti traguardi da infrangere».
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.