Le strade disastrate simbolo di immobilismo

Il degrado della città e della periferia  

Con la nuova giunta Lucini, pur non avendo molte speranze, pensavo che qualcosa sarebbe cambiato; invece la situazione nelle strade, come da voi evidenziato più volte e anche in prima pagina del “Corriere di Como”, è notevolmente peggiorata. Le strade sono diventate estremamente pericolose oltre che per le buche e dissesti vari, anche per  l’attraversamento dei pedoni, per la cancellazione quasi totale (resiste solo agli inizi ma poi in mezzo non si vede più) delle strisce pedonali, per cui attraversarle per noi poveri pedoni è diventata come una roulette russa e, se non si provvede, prima o poi ci scapperà il morto, anche perché gli automobilisti e motociclisti comaschi che sanno dove erano situate le strisce sono più prudenti, ma chi viene da fuori, non sapendolo, neanche rallenta in prossimità delle (ex) strisce zebrate.
Personalmente, mesi fa mandai una mail al sindaco perché si era detto disposto ad ascoltare le questioni dei cittadini, ma non ebbi risposta alla segnalazione riguardo alle strisce né ha fatto niente. Solite promesse elettorali, ma sono tutti uguali.

Livia Maurano Tomasi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.