Cronaca

Le violenze sessuali erano inventate. Ragazza a processo per calunnia

Un giovane era finito ai “domiciliari”

(m.pv.) Giorni di arresto ai “domiciliari” con l’accusa infamante di aver violentato una ragazza di un paese della Bassa Comasca (all’epoca 21enne) in 2 occasioni. Le forze dell’ordine alla porta di casa. L’interrogatorio con il giudice. Il tutto per una accusa infondata, perché la fortuna ha voluto che i giorni delle presunte violenze (giugno e luglio del 2011) l’uomo era al lavoro con tanto di cartellino timbrato e pronto a dimostrarlo, come pure le testimonianze dei colleghi e il cellulare

che agganciava una cellula compatibile con il posto di lavoro e non con il luogo della violenza, ovvero la casa della giovane. Grazie a questi riscontri, l’incubo di un 28enne di Como (assistito dall’avvocato Angelo Giuliano) si è concluso nel migliore dei modi. E ora è lui la parte lesa nel processo per calunnia. L’udienza è stata aggiornata all’11 febbraio per far valutare alla giovane il risarcimento dei danni.

7 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto