La Lega non riesce a fermare il Ramadan a Como e Cantù
Città, Cronaca, Territorio

La Lega non riesce a fermare il Ramadan a Como e Cantù

La Lega non riesce a fermare le preghiere collettive per il Ramadan a Como e a Cantù. A Muggiò, in piazza d’Armi, è stato allestito il tendone dove fino al 14 giugno si ritroveranno i fedeli all’Islam. Alessandra Locatelli, vicesindaco e deputato della Lega nulla ha potuto in giunta. «Questo è un problema – dice – e spero che nei prossimi anni la vicenda vada diversamente. Questi raduni non dovrebbero essere consentiti. Nell’Islam – aggiunge il vicesindaco di Como – trovano spazio anche persone tutt’altro che pacifiche. Prova ne siano le ultime operazioni antiterrorismo».

Il tendone di Muggiò per le preghiere del Ramadan © TB | Il tendone di Muggiò per le preghiere del Ramadan

La deputata leghista ha anche presentato recentemente un’interrogazione parlamentare nella quale chiede la chiusura del centro di via Pino.

A Cantù il Ramadan sarà invece in un capannone di via Milano, grazie al pronunciamento del Tar.

Nicola Molteni, deputato canturino e presidente della Commissione Speciale, ha annunciato un’interrogazione parlamentare. Il tribunale amministrativo di recente ha dato ragione all’associazione Assalam, che potrà usare il capannone di proprietà a patto di non superare la quota di 99 persone all’interno e all’esterno.

16 maggio 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto