Cronaca

Leggono giornali e scelgono vestiti. Chiuse le indagini sui finti ciechi

altErbesi nei guai: sottratti 45 mila euro
Leggevano il giornale, guardavano le vetrine, sceglievano capi di abbigliamento, erano in grado di camminare lungo la via evitando intoppi (macchine parcheggiate) e salendo gradini. Il tutto senza l’ausilio di bastoni oppure di cani per non vedenti. Con l’accusa di truffa, il pubblico ministero Massimo Astori ha chiuso le indagini a carico di un uomo e di una donna dell’Erbese – il primo 64 anni di Merone, la seconda 42 anni di Inverigo – accusati di truffa aggravata dall’aver commesso il presunto

fatto danneggiando l’Inps che aveva concesso le erogazioni per una cecità totale.
Secondo la tesi dell’accusa, le somme sottratte illecitamente all’Ente pubblico ammonterebbero in totale a quasi 45mila euro, per la precisione 22.155,80 a testa. I fatti, portati allo scoperto da una indagine della guardia di finanza, risalgono agli anni 2012, 2013 e 2014. I due effettivamente avrebbero sofferto di una patologia visiva definita parziale, poi aggravata con il tempo fino a diventare per entrambi cecità totale. Al momento dei controlli delle fiamme gialle però, i due furono sorpresi – sostiene il pm – a «compiere atti della vita quotidiana incompatibili con una diagnosi di cecità assoluta». Tra questi, come detto, leggere il giornale o camminare per strada evitando gli ostacoli, «senza ausilio esterno quale “bastone” o “cane accompagnatore”». Ora a indagini chiuse, la parola passa agli avvocati della difesa, ovvero Pietro Bassi e Fabio Gualdi – che avranno tre settimane di tempo per fornire alla procura le proprie controdeduzioni.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il fotogramma
I presunti finti ciechi sono stati smascherati dalla finanza mentre passeggiavano tranquillamente e leggevano il giornale. Sono stati indagati per truffa aggravata ai danni dell’Inps. Ora la parola passa però alla difesa
11 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto