Cronaca

L’ex questore di Como: «Non abbiamo trattato con gli ultras»

altCalcio violento
Mazza: «Prima di Napoli-Fiorentina, Hamsik ha solo aggiornato i tifosi sul ferito più grave»
(a.cam.) A Como, almeno dal punto di vista calcistico, le situazioni da gestire erano meno complicate.
L’ex questore del capoluogo lariano, Massimo Mazza, riveste ora la stessa carica a Roma e sabato scorso si è trovato alle prese con il difficile scenario che si è venuto a creare nella Capitale prima della finale di Coppa Italia. «L’ho detto e lo confermo: non c’è stata alcuna trattativa tra Stato e ultras», è quanto tiene a ribadire Mazza.

Il questore di Roma, a Como dal 2007 al 2011, è al centro delle cronache da sabato scorso, dopo la finale giocata all’Olimpico tra Napoli e Fiorentina. Gli sconti fuori e dentro lo stadio, il clima da guerriglia urbana, il dialogo tra il capitano del Napoli Marek Hamsik e Gennaro De Tommaso, noto come Genny a’ Carogna, capo degli ultras dei partenopei, hanno scatenato dibattiti e polemiche destinati a far discutere a lungo. Strascichi che, inevitabilmente, anche Massimo Mazza si trova a dover gestire. «Non abbiamo trattato con gli ultras – sottolinea l’ex questore di Como – Il giocatore del Napoli ha aggiornato i tifosi sulle condizioni del ferito più grave. Dopodiché, i rapporti tra le società e i gruppi di tifosi sono noti e confermati».
Gli episodi dell’Olimpico hanno riportato ancora una volta l’attenzione sul tifo violento, una piaga che, a differenza dell’Italia, l’Inghilterra è riuscita a cancellare. Una situazione che, secondo Mazza, ha diverse spiegazioni. «La prima grande differenza tra Italia e Inghilterra sta nella visione dello sport – spiega il questore di Roma – Quella inglese è senza dubbio migliore. Il senso di sportività dei britannici è noto. Partecipano alle partite, ma il tifo è ben diverso. Poi è anche vero che in Inghilterra, per contrastare la violenza negli stadi, sono state adottate misure più drastiche e immediate. Che potrebbero essere d’aiuto anche nel nostro Paese».
Per Massimo Mazza – che, lasciata Como, prima di essere promosso alla guida della questura di Roma ha rivestito lo stesso incarico anche a Genova, altra piazza delicata dal punto di vista calcistico – il Daspo, divieto di assistere alle manifestazioni sportive, è uno strumento efficace. «Credo sia utile – dice – E anche l’ipotesi del Daspo a vita potrebbe essere un elemento da prendere in considerazione, un tema sul quale riflettere. Questo però nell’ambito di una revisione completa anche di altri provvedimenti».

Nella foto:
Le immagini del capo degli ultras del Napoli, che parla con Hamsik e gli uomini della Digos di Roma, hanno fatto il giro del mondo
6 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto