Cronaca

«I nostri voti non saranno più scontati»

Palazzo Cernezzi
Lucini perde un pezzo: Eva Cariboni si sfila dalla maggioranza

(m.d.) Perde un pezzo la maggioranza che sostiene il sindaco Mario Lucini. Eva Cariboni, consigliere comunale della lista “Amo la mia città”, ha infatti annunciato che il suo voto a favore della coalizione che guida Palazzo Cernezzi non sarà più garantito. «I nostri voti non saranno più scontati – afferma – Di volta in volta decideremo in base all’attuazione del programma».
Una decisione, quella di sfilarsi dalla maggioranza, arrivata dopo le dimissioni irrevocabili presentate dell’assessore Gisella Introzzi, esponente di spicco della lista “Amo la mia città”, dopo che il sindaco Mario Lucini le ha tolto la delega al Personale.

«Ci siamo sentiti sfiduciati come lista dall’atteggiamento del sindaco che, oltre a non aver dato una spiegazione per il rimpasto in giunta, ha usato modi abbastanza inaccettabili – spiega la consigliera di “Amo la mia città” – Gisella Introzzi, inoltre, è stata avvisata del depotenziamento dei suoi incarichi soltanto un’ora prima che la decisione venisse ufficializzata. Non è un trattamento accettabile anche perché, secondo noi, l’operato dell’assessore Introzzi non è stato manchevole».
Eva Cariboni rivendica poi il fatto che “Amo la mia città” «ha sostenuto lealmente la coalizione e il programma di Lucini». Un sostegno venuto ora meno. «Se stare nella maggioranza vuol dire votare sempre e comunque sì ci chiamiamo fuori – aggiunge la consigliera comunale – Come è mancata la lealtà del sindaco verso Gisella Introzzi e la nostra lista, allo stesso tempo noi ora ci sentiamo liberi. E voteremo valutando di volta in volta l’argomento in discussione».
E a chi le fa notare che lunedì sera, in consiglio comunale, nonostante la presa di distanza dall’esecutivo di Mario Lucini, ha continuato a presentarsi alle riunioni del gruppo di maggioranza, convocate quando la seduta veniva sospesa, Eva Cariboni risponde così: «Lunedì sera ho fatto una dichiarazione preliminare per spiegare la nostra volontà di smarcarci dalla maggioranza. Poi ho partecipato comunque alle riunioni del gruppo perché prima di andarmene volevo parlarne con il presidente del consiglio comunale, Stefano Legnani».

15 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto