Cronaca

Libeskind, il monumento va veloce

Sempre più probabile l’aggiudicazione diretta della gara I lavori potrebbero partire già dal prossimo 3 novembre
(da.c.) Nessuna sorpresa alla prima scadenza dell’appalto-concorso per il consolidamento della diga foranea, lavori funzionali alla posa del gigantesco omaggio di Daniel Libeskind ad Alessandro Volta.
Entro oggi, le imprese interessate a partecipare al bando di sponsorizzazione pubblicato dal Comune per riqualificare la diga avrebbero dovuto manifestare il proprio interesse aderendo a un “sopralluogo tecnico” voluto da Palazzo Cernezzi. Un sopralluogo obbligatorio, senza il quale non sarebbe possibile presentare successivamente alcuna offerta.
Fino a ieri pomeriggio, almeno stando alle indiscrezioni provenienti dagli uffici del municipio cittadino, nessuno oltre agli Amici di Como si era però fatto avanti.
A meno di clamorose sorprese, quindi, la gara che precede la posa del monumento di Libeskind avrà un unico concorrente. E potrà per questo essere conclusa più rapidamente, così come anticipato il 9 ottobre durante l’assemblea pubblica organizzata in Biblioteca. Tra una settimana, il 27 ottobre, si chiuderà infatti la seconda fase del bando. Di fronte alla sola offerta degli Amici di Como, il Comune avvierà la procedura di aggiudicazione diretta, che dovrebbe concludersi entro il 3 novembre. A quel punto, il cantiere potrà partire.
Dalla firma del contratto, ci saranno 6 mesi di tempo per consolidare la diga e costruire il nuovo tondello – più ampio dell’attuale – su cui verrà in seguito poggiata “The Life Electric”, la grande scultura di carbonio e acciaio che l’archistar americana ha deciso di donare al capoluogo lariano.
L’obiettivo dichiarato è di arrivare all’inaugurazione del monumento prima dell’apertura di Expo 2015, fissata per il 1° maggio del prossimo anno.
Soltanto oggi si saprà comunque se altri operatori si siano detti interessati a sfruttare l’immagine del monumento aderendo al contratto di sponsorizzazione del Comune. I costi preventivati dei lavori di consolidamento della diga oscillano attorno al mezzo milione di euro. Cui vanno aggiunti le spese di manutenzione del manufatto di Libeskind nei 5 anni successivi alla posa. Un’operazione che gli Amici di Como giudicano funzionale ai propri scopi statutari e ai propri obiettivi, ma che difficilmente altre aziende prenderanno in considerazione, visto anche il carattere oneroso dell’intervento.

Nella foto:
Tra una settimana, il 27 ottobre, si chiuderà la seconda fase del bando. Di fronte alla sola offerta degli “Amici di Como”, il Comune avvierà la procedura di aggiudicazione diretta, che dovrebbe concludersi entro il 3 novembre. A quel punto, il cantiere potrà partire
21 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto