Licenziamenti a Campione d’Italia, il Tar di Milano passa la palla a Roma
Economia, Territorio

Licenziamenti a Campione d’Italia, il Tar di Milano passa la palla a Roma

Il Tar della Lombardia si dichiara «incompetente» sul ricorso presentato dai dipendenti del Comune di Campione d’Italia licenziati. Incompetenza a livello «territoriale» con chiamata in causa dei colleghi del Tribunale amministrativo del Lazio.
L’atteso pronunciamento dei giudici milanesi, pubblicato ieri, si risolve in un nulla di fatto per i dipendenti del Municipio, che avevano presentato ricorso contro il Comune di Campione d’Italia e il Ministero dell’Interno, nella persona del suo legale rappresentante pro tempore, ovvero il ministro leghista Matteo Salvini.
Il Tar della Lombardia, nella sua ordinanza, ripercorre gli aspetti della vicenda, che hanno portato alla rideterminazione della pianta organica del Comune di Campione a 16 unità, con la soppressione dei controllori del Casinò e della polizia locale. Ovvero all’eccedenza di 86 unità. I giudice, in conclusione, non si riconoscono competenti. Anche alla luce della costituzione in giudizio dello stesso Ministero (il Comune di Campione non si era invece costituito). La causa, quindi, viene «trattenuta in decisione» dopo la camera di consiglio dello scorso 9 novembre. E viene individuata la competenza territoriale del Tar del Lazio, sede di Roma.
Che cosa succederà ora?
«A questo punto si aprono due strade – spiega Vincenzo Falanga, segretario della Uil Funzione pubblica di Como – Il commissario potrebbe procedere in ogni caso con l’iter dei licenziamenti, con i ricorrenti che chiederebbero una procedura d’urgenza da parte del Tar del Lazio. Il Tribunale amministrativo potrebbe esprimersi nel giro di pochissimi giorni, con l’esito entro la settimana. Oppure il commissario potrebbe attendere i tempi ordinari della giustizia. Il nostro appello al commissario è che segua proprio questa ipotesi. Sappiamo benissimo che per chi deve decidere non si tratta della posizione più comoda, ma andrebbe nell’interesse di un’intera comunità».
Nel frattempo, Falanga annuncia una prossima manifestazione a Roma, a Montecitorio. «Non staremo ad attendere i tempi della giustizia amministrativa senza fare nulla – dice – La situazione non è certo congelata».

13 Nov 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto