«Il valore dell’oro e dell’argento è raddoppiato»

L’opinione del numismatico Emilio Tevere
Quotazioni in costante crescita negli ultimi anni. E c’è chi investe sui metalli pregiati
«Il valore dell’oro e dell’argento è raddoppiato negli ultimi 18-24 mesi. Chi vende oggi fa ottimi affari e sono sempre di più le persone che lo fanno perché hanno urgente bisogno di denaro. Naturalmente, c’è anche chi fa il ragionamento opposto e compra oro come investimento. In questo caso, però, è impossibile prevedere quale sarà l’andamento delle quotazioni, e quindi
 la rendita dell’investimento nelle prossime settimane o nei prossimi mesi. Le incognite sono troppe».
Emilio Tevere, titolare del negozio “Numismatica Tevere” di Erba, è uno dei massimi esperti del settore in provincia di Como. Nel suo negozio acquista e vende monete, ai collezionisti ma non solo.
«Sempre più spesso arrivano clienti che vogliono vendere monete d’oro e d’argento per fare cassa, perché hanno bisogno urgente di denaro – spiega Tevere – Chi ha acquistato anche solo due anni fa, oggi può vedere raddoppiato l’investimento».
Un paio di numeri, per rendere l’idea. «Il 12 giugno del 2009 il valore di un grammo d’oro era pari a 21,67 euro – cita il numismatico consultando i suoi cataloghi – Oggi (ieri, ndr) siamo a quota 42,8 euro al grammo: in due anni il valore è raddoppiato».
Facciamo il caso di una moneta. «Nel catalogo del 2010 avevo le sterline a 190 euro, comprensive di Iva – spiega l’esperto – Oggi noi numismatici le paghiamo circa 305 euro».
Un aspetto meno conosciuto di questa impennata del valore dell’oro è legato agli esportatori dei Paesi emergenti che preferiscono farsi pagare in oro piuttosto che nelle valute correnti. «Sempre più spesso oggi chi fa acquisti in Arabia, Cina, India e in altri Paesi emergenti si vede richiedere i pagamenti in oro – afferma Tevere – Vale per ogni genere di merce, dal petrolio ai computer, dai telefoni di ultima generazione alle marmitte. Chi vende non si fida della valuta, che in questo momento offre poche garanzie, e per questo preferisce farsi pagare in oro. Anche per questo motivo l’oro si è rivalutato tanto e velocemente».
Tornando a chi vende per necessità, la tendenza è in aumento tra i comaschi anche per quanto riguarda le monete. «Visto l’attuale valore dell’oro è chiaro che le persone in difficoltà sempre più spesso pensano di vendere i propri “tesori” per fare cassa – dice il numismatico – Un fenomeno che vale anche per monete come le sterline, i marenghi e altre ancora, che abbiano un valore intrinseco legato al materiale di conio. È sempre stata un’usanza diffusa regalare monete di valore in particolari occasioni e in quasi tutte le case c’è oro. Da 2 o 3 anni c’è una corsa a vendere».
«La maggior parte delle monete vanno a finire all’estero – continua Tevere – Su 10 monete che acquisto, ne rivendo in media 3. Le altre si accumulano e poi vengono vendute fuori dall’Italia».
Non manca, come detto, chi acquista oro. «Spesso mi chiedono consigli sull’opportunità di investire nell’oro – conclude l’esperto – Ripeto sempre che l’andamento del valore nelle prossime settimane e mesi è un’incognita e che è impossibile avere certezze. L’acquisto di oro come forma di investimento è comunque in aumento da tempo, con persone che spendono anche cifre significative. Ed è ancora in voga la moneta di valore scelta come regalo per occasioni speciali. Si parte da una spesa minima di 200 euro e si può arrivare a migliaia di euro».

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.