L’importanza del casco integrale: 300 studenti al Sant’Anna per #salviamocilafaccia
Cronaca, Sanità

L’importanza del casco integrale: 300 studenti al Sant’Anna per #salviamocilafaccia

Trecento studenti al Sant’Anna per imparare l’importanza dell’utilizzo del casco integrale in moto o scooter. Stamattina all’ospedale di San Fermo della Battaglia si è svolto l’evento di sensibilizzazione “#salviamocilafaccia” che mirava a far conoscere i rischi dei traumatismi al volto e rivolto agli alunni delle scuole comasche”P. Giovio”, “Magistri Cumacini” e Gallio.

L’evento #salviamocilafaccia all’ospedale Sant’Anna

Medici specialisti in chirurgia maxillo-facciale, in pediatria, in odontoiatria insieme a psicopedagogisti, tecnici e motociclisti professionisti hanno spiegato ai ragazzi come proteggere volto, cervello e sorriso con una protezione che, in caso di incidente, può evitare gravi traumi e lesioni permanenti al viso e alla bocca e conseguenti problemi funzionali, psicologici e di relazione.

L’iniziativa è stata aperta da Andrea Di Francesco, ideatore della manifestazione e responsabile della Chirurgia Maxillo-Facciale pediatrica dell’ospedale Sant’Anna, che, insieme a colleghi chirurghi maxillo-facciali, odontoiatri e pediatri, ha messo in evidenza i rischi in cui si incorre se non si utilizza il casco integrale.
Molto apprezzate anche le testimonianze dei campioni delle due ruote.

A partire da Angelo Tenconi, decano del motociclismo comasco. Sono poi intervenuti anche i centauri Jacopo Cerutti, pluricampione italiano, campione europeo e dakariano di moto fuoristrada, e Claudio Corti, campione europeo superstock 600. Ha chiuso l’incontro l’intervento di Ian Sagar, campione paraolimpico di basket e capitano nella Briantea 84.

I dati
Solo il 40% dei giovani che viaggiano in moto o in scooter indossa il casco integrale.

“L’introduzione del casco – spiega lo specialista – ha ridotto in modo sensibile la mortalità di chi usa la moto, ma pochi conoscono i danni che possono subire motociclista, scooterista e passeggeri utilizzando caschi che non proteggono il viso e la bocca. I traumatismi facciali, in seguito a incidente motociclistico, spesso sono irreversibili, comportano cure prolungate, a volte non risolutive, e sono spesso caratterizzati da difetti funzionali ed estetici permanenti”.
L’utilizzo consapevole di un casco integrale ben allacciato, efficace nella protezione dai traumi cranici e facciali consente, in caso di incidente, di ridurre le conseguenze del trauma e sicuramente migliora la qualità di vita delle persone che subiscono traumi multipli motociclistici.

“Indossare il casco integrale – prosegue Di Francesco – consente di ridurre del 50% il rischio di lesioni cerebrali e del 25% il rischio di fratture facciali. Il 70% dei ragazzi coinvolti in incidenti con casco non integrale riporta lesioni permanenti, contro il 5% di quelli che indossano il casco integrale. Inoltre, il 5-10% dei traumi con casco jet, cioè aperto, anche in caso di dinamiche a moderata energia, comporta lesioni irreversibili che anche la chirurgia non può risolvere con tutte le conseguenze funzionali, estetiche e psicologiche che questa condizione può causare”.

10 maggio 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto