Senza categoria

L’incidente non fu simulato. Vigilesse assolte

Due agenti

(m.pv.) Primo elemento: l’urto ci fu, e fu esattamente dove era da sempre stato indicato dalle vigilesse, ovvero nella parte posteriore laterale dell’auto e non, come ispezionato dal consulente della Procura, nel centro del paraurti. Punto secondo: anche le lesioni riportate dalle due donne di pattuglia (47 giorni di prognosi la prima e 56 la seconda) sono compatibili con l’incidente raccontato dalle vigilesse e, appunto, con l’urto nella parte posteriore laterale. Con questi due elementi la

difesa dei due agenti di polizia locale del consorzio facente capo a Guanzate ha ottenuto l’assoluzione dal giudice monocratico con la formula piena (avvocati Elisabetta Di Matteo e Giuseppe Sassi). La Procura lariana le aveva invece portate in aula accusandole di falso per aver simulato – per scopi che sono sempre rimasti difficili da comprendere – un incidente stradale al termine di un rocambolesco inseguimento. Il fatto risale al 30 novembre 2009, quando le due vigilesse dissero di essere state speronate da una Y10 con tre ragazzi a bordo. Un inseguimento partito dal cimitero di Lurago Marinone. I primi dubbi sullo schianto arrivarono perché l’urto sembrava compatibile più con un palo che con un’altra auto. Ma il giudice l’ha pensata diversamente e le ha assolte.

23 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news
    Archivio
    Dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
    Numeri utili
    NUMERO UNICO DI EMERGENZA
    numero 112 lampeggianti
    farmacia Farmacie di turno farmacia

    ospedale   Ospedali   ospedale

    trasporti   Trasporti   trasporti
    Colophon

    Editoriale S.r.l.
    Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
    Tel: 031.33.77.88
    Fax: 031.33.77.823
    Info:redazione@corrierecomo.it

    Corriere di Como
    Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
    ROC 5370

    Direttore responsabile: Mario Rapisarda

    Font Resize
    Contrasto