Cronaca

«Incubo Ebola, siamo pronti». Piano d’emergenza al Sant’Anna

altPrevista una stanza per l’isolamento al pronto soccorso
«Siamo pronti a fronteggiare l’emergenza Ebola. L’eventualità che si presenti un caso nei nostri ospedali è remota, ma l’allarme non può essere sottovalutato e ci siamo preparati come previsto dai protocolli».
Il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera Sant’Anna Giuseppe Brazzoli rassicura i comaschi sull’epidemia di febbre emorragica che, negli ultimi mesi, ha già colpito oltre 9mila persone, quasi tutte in Africa.
I Paesi attualmente indicati come a rischio dall’Organizzazione

Mondiale della Sanità sono Sierra Leone, Guinea e Liberia, mentre dal 13 ottobre scorso è stata dichiarata “Ebola free” la Nigeria.
«Siamo preparati per gestire come previsto eventuali casi sospetti di malattia da virus Ebola – sottolinea Domenico Santoro, primario di malattie infettive del Sant’Anna e coordinatore del team che si occupa della malattia – Il personale ha seguito percorsi di formazione appositi, che sono tuttora in corso e stanno coinvolgendo tutti gli operatori interessati».
Il percorso è articolato. «Si parte dal triage al pronto soccorso, con un questionario specifico per pazienti che riferiscono un possibile contatto con il virus – spiega Santoro – È a disposizione una stanza per l’isolamento al pronto soccorso ed è stato studiato un percorso protetto per i pazienti a rischio fino al reparto malattie infettive. Tutti hanno a disposizione maschere, occhiali, tute e guanti appositi per la protezione individuale».
Nel reparto di malattie infettive del Sant’Anna, due stanze sono state messe a disposizione per eventuali casi sospetti.
«Le stanze del reparto, 15 in tutto, sono predisposte per l’isolamento – spiega Santoro – In particolare, sono a pressione negativa. Questo significa che i germi possono entrare ma non uscire. Inoltre sono dotate di filtri Hepa per bloccare gli agenti infettivi».
Al Sant’Anna potrebbero essere ricoverati i pazienti a basso rischio.
«Significa persone con stato febbrile o altri sintomi riconducibili a Ebola ma che non abbiano avuto contatti con persone infette – spiega Brazzoli – I pazienti ad alto rischio, che abbiano avuto contatti certi con i malati o addirittura con diagnosi di Ebola, come previsto saranno trasferiti, sempre seguendo appositi protocolli, al Sacco di Milano o allo Spallanzani di Roma, ospedali individuati come riferimento per l’Italia».

Anna Campaniello

Nella foto:
A destra, Domenico Santoro con un’infermiera che indossa una tuta protettiva. Sopra, la sala isolata (Fkd)
18 Ott 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto