Linea Cadorna, amarcord nel Parco Spina Verde
Territorio

Linea Cadorna, amarcord nel Parco Spina Verde

Il territorio comasco era a immediato ridosso della linea del fronte che correva lungo i confini tra la Lombardia e il Trentino-Alto Adige. Era attraversato da un’opera di difesa militare che faceva parte della “Fortificazione Avanzata Frontiera Nord”, più comunemente nota come “Linea Cadorna”. Si trattava di fortificazioni che correvano dalle valli ossolane ai passi orobici come difese contro possibili attacchi austro-tedeschi attraverso la neutrale Svizzera. Le fortificazioni, che si rivelarono inutili, erano state costruite tra il 1915 e il 1918 sotto la direzione del generale Luigi Cadorna. In tutto oltre 70 chilometri di trincee costate oltre 105 milioni di lire dell’epoca (circa 150 milioni di euro odierni).

Grazie all’impegno degli Alpini di Como, dal 2006 al 2013 sono stati ripristinati e riaperti al pubblico i camminamenti della Linea Cadorna comasca prima a Cavallasca, poi a Menaggio, sul Bisbino  e a Cardina. Molti altri frammenti di fortificazione sarebbero da far tornare alla luce. L’area del Sasso di Cavallasca, da cui si gode un suggestivo panorama sul Bisbino e sulla vicina Svizzera, a pochi metri dalla “ramina” che segna il confine con il Canton Ticino, è molto frequentata come zona di interesse storico incastonata nel Parco Spina Verde.

Qui innumerevoli contrabbandieri hanno varcato la frontiera illegalmente carichi di bricolle colme di generi di vario tipo per sfamarsi o per arricchirsi. Sempre qui, però, molti comaschi, un secolo fa, trovarono sostentamento da parte del ministero della Guerra che coinvolse con il Genio militare gli uomini non inviati al fronte, e anche donne e bambini, nella costruzione di fortificazioni poi diventate del tutto inutili.

1 Marzo 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto