«Introzzi faccia un passo indietro»

alt Presa di posizione del consigliere Marco Butti

Durissima presa di posizione, ieri sera in consiglio comunale, del consigliere di Fratelli d’Italia, Marco Butti, sulla bufera che da giorni investe l’assessore al Commercio e alle Attività produttive, Gisella Introzzi. Durante l’intervento preliminare in aula, infatti, è stato chiaramente richiesto un passo indietro da parte della Introzzi.
Il primo punto affrontato da Butti è stato il pasticcio per la nomina pro-tempore del nuovo comandante della polizia locale. Come noto, a dispetto

delle dimissioni comunicate a maggio 2013 dall’ex capo dei vigili, Vincenzo Graziani, a oggi non si è ancora proceduto a una sostituzione definitiva e il Corpo è affidato al dirigente dei settori Informatico e Commercio, Giovanni Fazio. «La gestione della sostituzione del comandante è stata pessima – ha affermato Butti – Inoltre, alcune dichiarazioni dello stesso assessore per spiegare la situazione sono apparse del tutto fuori luogo».
Il consigliere, poi, critica la gestione della presenza a Como, nei mesi scorsi, del mercatino di Forte dei Marmi, contestato anche da alcuni commercianti.
«E anche all’interrogazione che rivolgemmo alla Introzzi – sottolinea Marco Butti – venne data una serie di risposte del tutto insoddisfacente».
In ultimo, il caso del presunto conflitto di interessi nella gestione di alcuni eventi pubblici (uno relativo ai rifiuti e un secondo, “Become”, legato a Expo) organizzati a braccetto con l’associazione “L’isola che c’è”, soggetto del quale è dipendente Marco Servettini, altresì capogruppo della lista civica con cui è stata eletta la stessa Introzzi.
«Una situazione sicuramente non trasparente e potenzialmente in conflitto di interesse – osserva Butti – al di là della sicura onestà delle persone». A conclusione dell’intervento, quindi, il consigliere di Fratelli d’Italia ha invitato «l’assessore Introzzi a fare un passo indietro».

Nella foto:
L’assessore al Commercio di Palazzo Cernezzi, Gisella Introzzi, al centro delle polemiche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.