Lissi: «Giardini a lago, presa in giro per i cittadini»

Giardini a lago

L’altro ieri l’annuncio di Palazzo Cernezzi con l’approvazione da parte della giunta di Como del proseguimento dell’iter per la riqualificazione dei giardini a lago.
L’opera avrà un valore complessivo di circa 2,5 milioni. La redazione del progetto definitivo ed esecutivo e la direzione lavori saranno affidati attraverso un bando di gara del valore di circa 250 mila euro. Ieri la nota polemica di Patrizia Lissi, consigliere comunale del Partito Democratico.
«La saga dei giardini a lago è un vero e proprio scandalo, un’enorme presa in giro a danno di tutti i comaschi – spiega – Oggi si parla di un progetto che potrebbe essere realizzato nel 2022 ma non possiamo assolutamente dimenticarci che già nel 2017 sotto l’amministrazione Lucini era stato chiuso il bando internazionale di progettazione ed erano stati stanziati i fondi».
«C’erano 380mila euro di Regione Lombardia a cui si sommavano 900mila provenienti dalla tassa di soggiorno stanziati in accordo con gli albergatori – aggiunge Lissi – L’amministrazione Landriscina avrebbe potuto procedere subito con il progetto definitivo-esecutivo ma invece ha bloccato tutto per un anno per poi decidere di stravolgere la proposta vincitrice del bando. Quindi ha dovuto ricominciare tutto da capo, con un nuovo studio di fattibilità e poi con un progetto definitivo-esecutivo deciso e deliberato da loro e che loro stessi poi hanno definito gravemente carente. Hanno perso i fondi regionali e adesso stanno ricominciando da capo».
Il consigliere comunale sottolinea un ulteriore aspetto. «Come se non bastasse, dei 900mila euro della tassa di soggiorno si è persa traccia. Ho chiesto più e più volte cosa ne fosse stato di questa tranche così importante. Ovviamente non è stata data alcuna risposta, il che pone una grave questione di trasparenza: devono smetterla di prendere in giro una città intera».
«Ora si torna a parlare di un progetto e direzione lavori che dovrebbero costare altri 250mila euro. A tre anni dall’insediamento, è una vergogna che si usino queste tattiche per liberarsi dal peso di uno scandalo. Solo ora si intravede l’epilogo della storia. Staremo a vedere: il Comune di Como ci ha d’altronde abituato a promesse vuote, a scadenze fissate e poi rimandate».
La conclusione è una ulteriore staffilata: «Tra i comaschi è ormai dato per assodato che questa giunta sia incapace di concretizzare e fare il bene della comunità. Questa incapacità ha un prezzo e sono i comaschi che finiscono per fare le spese delle costanti prese in giro».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.