Cronaca

Liste d’attesa, altro caso clamoroso. Tredici mesi per una visita agli occhi

alt

Sanità. I tempi però si accorciano sensibilmente se i pazienti sono disposti a pagare
Un 61enne di Tavernerio: «Mi hanno spostato al 3 dicembre 2014»

Appuntamento al 3 dicembre 2014. Tredici mesi di attesa. È il Valduce a fissare un nuovo, poco invidiabile, record in termini di attesa per una visita oculistica. La situazione, segnalata da un 61enne di Tavernerio, è la quarta denuncia di questo tipo raccolta in pochi giorni, a riprova di una evidente difficoltà del settore. Un’altra segnalazione analoga arriva intanto anche sul fronte della dermatologia: un anno di attesa al Sant’Anna per una prima visita.
Il capitolo oculistica si arricchisce

ogni giorno di nuovi elementi. La prima segnalazione risale a mercoledì scorso. È di Angelo Vozella, che si era rivolto prima al Sant’Anna e poi al Valduce per prenotare una visita oculistica con tomografia ottica. Risultato: 10 mesi di attesa nel primo caso, un anno nel presidio di via Dante.
Il giorno successivo, si è rivolta a Corriere di Como ed Etv una 78enne di Como, infermiera in pensione. Doveva prenotare una visita oculistica. Al Sant’Anna le hanno prospettato un’attesa di quasi 6 mesi, al Valduce, “soltanto” di 4. Interpellata sul caso, l’azienda ospedaliera di via Ravona aveva risposto simulando lo stesso giorno alle 12.15 una prenotazione di una prima visita oculistica, dalla quale risultava come primo posto disponibile un appuntamento al poliambulatorio di via Napoleona il 27 gennaio. Probabilmente si era liberato un posto per la rinuncia di un paziente.
A ulteriore riprova del caos e dei paradossi con i quali devono scontrarsi i pazienti alle prese con disturbi della vista, ecco un’altra segnalazione. È di Ezio Carugati, che deve prenotare una visita al fondo dell’occhio per la nipote, diabetica. All’Asl di Lomazzo gli prospettano un’attesa di 10 mesi per avere un appuntamento al Sant’Anna.
Ieri, infine, la nuova denuncia, se possibile ancora più paradossale.
«Devo fare una prima visita oculistica – ha raccontato un 61enne di Tavernerio, mostrando anche il foglio della prenotazione – Con l’impegnativa del medico curante, il 14 novembre scorso sono andato al Valduce, sperando di poter effettuare la visita in tempi brevi. Mi hanno fissato l’appuntamento per il 3 dicembre 2014. Tra un anno e un mese».
Per la cronaca, è andata meglio a Villa Aprica, appuntamento al 19 dicembre, di quest’anno però. Non bastasse l’oculistica, ecco un’altra segnalazione che dimostra come il problema delle liste d’attesa resti la bestia nera della sanità comasca. «Mi sono rivolta al Sant’Anna per una visita dermatologica e mi hanno risposto che non c’era posto se non fra un anno – scrive in una mail alla redazione la comasca Daniela Fiamberti – A quel punto sono andata a Milano, all’Istituto Auxologico di via Mosè Bianchi, dove l’attesa per una visita nell’ambito del sistema sanitario nazionale era di un paio di mesi. Mi hanno anche proposto una visita privata a metà prezzo presso una delle loro strutture convenzionate, in particolare al San Carlo. Tuttavia, il giorno che mi è stato proposto non mi era possibile fare la visita».
La paziente comasca ha comunque trovato una soluzione a Milano.
«Mi sono rivolta a uno studio medico che ha tre sedi nel capoluogo lombardo – sottolinea ancora la donna – Propone visite specialistiche al costo di 60 euro con tempi di attesa molto contenuti. Mi chiedo chi dobbiamo ringraziare per tutto questo, se le spese folli di cui si è parlato anche in Regione Lombardia o le inchieste per presunti rimborsi gonfiati a ospedali che hanno addirittura il coraggio di ridurre il personale, non della dirigenza naturalmente».
Nelle scorse settimane, l’Asl di Como ha stanziato un finanziamento ad hoc proprio per la riduzione delle liste d’attesa. Inevitabile vista la situazione una verifica sull’utilizzo delle risorse e su possibili ulteriori interventi nei settori più critici, compresi oculistica e dermatologia.

Anna Campaniello

Nella foto:
Nuova segnalazione di liste d’attesa lunghissime. Questa volta è stato il Valduce a fissare un appuntamento per una visita oculistica addirittura 13 mesi dopo la richiesta del paziente
24 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto