«La città è sempre più lontana dal Calcio Como»