«La dichiarazione dei redditi? Mai fatta». Indagato un imprenditore comasco

Responsabile di una società bresciana
«La dichiarazione dei redditi? In venti anni di attività, non l’ho mai fatta». È questa, parola più parola meno, la risposta sconfortante che un imprenditore comasco di 49 anni, residente a Rogno – in provincia di Bergamo – ha dato agli uomini della guardia di finanza di Pisogne che l’avevano stanato. Fatto sta che, ora, il responsabile della società per azioni, attiva nel settore del commercio di rottami, noleggio e impiantistica industriale, è stato denunciato alla procura per

avere omesso di segnalare la dichiarazione dei redditi annuale e per avere pure distrutto le scritture contabili obbligatorie. In tutto, secondo quanto ricostruito dai finanzieri che hanno portato a termine la verifica fiscale nei confronti della società che ha il comasco come responsabile, sarebbero otto milioni di euro le imposte evase tra Iva, Irap e imposte dirette. Assieme al 49enne lariano, nei guai è finito anche un 40enne milanese residente in Kenya, rappresentante legale della stessa società. Ma, come detto, la cosa più sconcertante è avvenuta quando il comasco si è trovato di fronte alle fiamme gialle, ammettendo con candore di non aver mai – in venti anni di attività – presentato la dichiarazione dei redditi.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.