«La trasparenza è sempre un valore»

Paolo Mascetti, primario del Sant’Anna
«La trasparenza è un valore aggiunto. Sempre. Per medici e pazienti». Non ha dubbi, Paolo Mascetti. Politico (vicepresidente della Provincia) e medico (primario di Diabetologia dell’ospedale Sant’Anna), Mascetti crede che specificare i costi dei trattamenti sanitari sia vantaggioso.
«Quando partecipo a qualche convegno, con i miei colleghi presento spesso uno studio che indica il costo per lo Stato del paziente diabetico: il doppio, rispetto a un paziente non diabetico. La quota maggiore è in ricoveri. E questi numeri, di solito, suscitano
meraviglia. Trovo giusto che il cittadino conosca il valore delle prestazioni erogate: è importante aprire una riflessione sui costi reali della sanità». È utile, dice Mascetti, sia al medico sia al paziente. «Magari qualche cittadino ha abitudini vecchie, usa troppo frequentemente i check-up senza calibrarli in base alle proprie esigenze. E i medici di base possono fare un attento rapporto tra costi e benefici, valutando se e come indirizzare diversamente la prescrizione diagnostica e terapeutica».
C’è chi sostiene che specificare il costo della prestazione sia inutile; oppure indelicato, nel caso di situazioni gravi. O, addirittura, umiliante. «Se qualcuno non l’avesse detto, a nessun paziente sarebbe venuto in mente di considerare umiliante la dichiarazione del costo – replica Mascetti – Oltretutto, quel tipo di informazione viene comunicato in forma riservata, nella corrispondenza tra l’ospedale e il paziente. Quindi, il malato cronico che non vuole far conoscere la propria condizione non ha nulla da temere».

Andrea Bambace

Nella foto:
I medici sono chiamati a fare un attento rapporto tra costi e benefici delle loro prescrizioni diagnostiche e terapeutiche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.