Cronaca

«Le punizioni fisiche favoriscono il bullismo»

Il convegno al Sant’Anna
Ricercatori di sette università italiane a confronto sui rischi per gli adolescenti
Un’età sempre più a rischio quella adolescenziale. I pericoli potenziali per i giovani sono ovunque e, soprattutto nell’era moderna, possono essere rappresentati da atti di bullismo, reali o virtuali, messi in pratica anche con un uso persecutorio dei social network e del cellulare. Prepotenze e umiliazioni, anche fisiche, che possono minare in profondità la salute mentale dei ragazzi.
Di questi temi si è discusso nel corso del convegno dal titolo “La salute e il benessere dei
giovani”, svoltosi ieri all’ospedale Sant’Anna a San Fermo della Battaglia. La giornata di studi è stata organizzata dal “Centro interuniversitario per la ricerca sulla genesi e sullo sviluppo delle motivazioni prosociali e antisociali” che comprende sette atenei italiani (Sapienza di Roma, Federico II di Napoli, Cattolica di Milano e le Università degli Studi di Firenze, Padova, Torino e Catania), col Dipartimento di salute mentale dell’azienda ospedaliera Sant’Anna di Como, ed è promosso dalla Fondazione “Cristina Mazzotti”.
«La nostra attenzione si è concentrata proprio su queste manifestazioni di aggressività – dice il professor Gian Vittorio Caprara, del dipartimento di Psicologia dell’Università Sapienza di Roma – Abbiamo verificato, attraverso studi e monitoraggi effettuati su gruppi di ragazzi, come sia fondamentale riuscire a sviluppare nelle vittime la loro capacità di risolvere, in autonomia, il problema. Si è dimostrato inoltre come influisca molto l’ambiente familiare. Ed è emerso come le punizioni fisiche siano un fattore che non contrasta ma anzi favorisce l’aggressività nei giovani che poi la possono manifestare su altri coetanei».
I ricercatori, provenienti da numerose università italiane, si sono confrontati proprio sulle strategie e sugli interventi utili a promuovere il benessere degli adolescenti. Un’analisi dettagliata che rappresenta «il nucleo centrale di un progetto pilota – avviato in 9 Paesi e che vede Napoli e Roma capofila italiani – che punta proprio a sviluppare le capacità di gestione di questa situazione», come spiega Vito Tùmmino, responsabile dell’unità di Psicologia clinica del Sant’Anna.
Sul nostro territorio è già operativo, anche se l’inaugurazione ufficiale avverrà prossimamente, un nuovo ambulatorio – parte del dipartimento di salute mentale del Sant’Anna – destinato proprio al trattamento dei pazienti più giovani, a partire ovviamente dagli adolescenti. Qui vengono affrontati stati quali ansia, stress post-traumatico, aggressività o difficoltà a controllare la rabbia, disturbi che sempre più di frequente compaiono negli adolescenti.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
Sono sempre più frequenti i casi di ragazzi vittime di bullismo, prepotenze e umiliazioni (Mv)
15 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto