«Libri e zainetti, la prima stangata dopo le vacanze»

alt L’esperto nella tutela dei diritti dei consumatori
(a.cam.) Libri, zainetti, quaderni e accessori pesano sul bilancio delle famiglie comasche. «Quella della scuola è la prima stangata di questo periodo di ripresa dopo la pausa estiva, alla quale seguirà subito dopo quella delle tasse sulla casa», avverte Mauro Antonelli, esperto nella tutela dei diritti dei consumatori.
Il corredo scolastico, secondo le stime più aggiornate, costa il 3% in più rispetto allo scorso anno. «Per le famiglie la spesa per l’istruzione dei figli è prioritaria

e considerata di fatto irrinunciabile – dice Antonelli – Per questo nel settore c’è chi si approfitta e si registrano aumenti superiori all’inflazione anche in un momento di difficoltà economica».
Meglio, secondo l’esperto, evitare la corsa all’acquisto. «Qualche piccolo accorgimento può permettere ai genitori di risparmiare – suggerisce Antonelli – Non è necessario acquistare subito scorte per tutto l’anno scolastico, meglio magari limitarsi all’essenziale e poi aspettare di trovare offerte migliori. Soprattutto per gli acquisti più “tecnici”, compasso e dizionari, ad esempio, è meglio attendere le indicazioni dei docenti».
Bisogna poi stare attenti alle mode. «Anche seguire eccessivamente le mode del momento può costare molto caro, fino al 40-50% in più per il corredo scolastico – continua l’esperto – Soprattutto per quanto riguarda gli zainetti, meglio puntare sulla qualità. È bene verificare che lo zaino sia adatto all’età e al peso del bambino, per tutelare la salute dello studente, della schiena in particolare».
La “stangata scolastica” passa soprattutto dai libri. «È stato cancellato l’obbligo per i docenti di adottare lo stesso libro almeno per cinque anni – conclude Antonelli – Questo ha provocato inevitabilmente un aumento della spesa media. E l’introduzione dei supporti digitali obbliga le famiglie ad acquistare libri nuovi».

Nella foto:
Secondo le ultime stime, il corredo scolastico costa il 3% in più dell’anno scorso

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.